Sandf perde un altro militare

58

SUDAN – Khartoum. 23/10/13. Un membro della South African National Defence Force (SANDF) è morto in circostanze sospette, SANDF ha parlato di suicidio. 

La difesa Mezzi di collegamento guidata dal generale di brigata Xolani Mabanga in un comunicato diffuso oggi ha detto che l’incidente è avvenuto presso la Base Khartum in Sudan. Non ha svelato il nome del soldato.

Il SANDF ha più di 800 soldati dispiegati in Sudan con l’Unione africana e Nazioni Unite come parte dell’UNAMID (con cui stanno portando avanti una operazione congiunta in Darfur). Diversi gli episodi che hanno visto coinvolto i militari di SANDF in Sudan: quattro caschi blu sudafricani sono stati rapiti nel mese di aprile 2011, ma poi sono stati rilasciati senza un riscatto. Il 17 ottobre 2012, un soldato del Sud Africa è stato ucciso e due feriti in un agguato a un convoglio Unamid in Darfur. Mabanga al momento ha detto che le vittime sono prevedibili in operazioni in cui sono coinvolti i militari  SANDF uomini e donne che servono il loro paese sono disposti a dare la propria vita in caso di necessità.

Quindici soldati sono stati uccisi durante uno scontro a fuoco nella Repubblica Centrafricana nel marzo di quest’anno, mentre 17 membri SANDF sono morti in aree di frontiera negli ultimi tre anni.

SANDF responsabile della comunicazione Siphiwe Dlamini ha detto non tutte le morti di pattugliamento delle frontiere erano a seguito di contatti e di scontri a fuoco . «Le truppe schierate sono esposte a una serie di rischi, tra cui rapine, assalti, da parte di clandestini e bracconieri e le malattie come la malaria».

Circa 2000 persone SANDF attualmente prendendo parte alle operazioni di mantenimento della pace, il Sud Africa sta aumentando il suo ruolo nella risoluzione dei conflitti regionali e negli sforzi di mantenimento della pace. Truppe SANDF sono schierati in Sudan e la Repubblica Democratica del Congo.