Sud Sudan: alla conquista dei pozzi

57

SUD SUDAN – Juba. 25/04/14. Detto fatto: i ribelli del Sud Sudan stanno marciando in direzione dei pozzi petroliferi, come promesso alcune settimanae fa. Lasciando dietro di se morti e incendi. Frapponendo tra Juba e Malakal una striscia di terra occupata dai ribelli. E a breve sostengono i ribelli, il governo centrale tracollerà. Fonte AFP.

Una dichiarazione fatta giovedi all’AFP, dal portavoce dei ribelli, il generale Lul Ruai Koang, afferma che le forze che combattono il presidente Salva Kiir hanno conquistato la città di Renk, vicino al confine con il Sudan, e stanno avanzando sui campi petroliferi Paloich.
«La caduta di Renk, lascia truppe governative intrappolate a Malakal senza alimentazione e vie di fuga», ha detto, riferendosi alla capitale strategica dello stato di Upper Nile, che è passata di mano diverse volte in questi quattro mesi di conflitti. Egli ha anche detto che i ribelli “ancora una volta rinnovano le chiamate per le compagnie petrolifere di cessare la produzione ed evacuare il personale/dipendenti per evitare di essere catturati negli incendi che appiccheremo. Il portavoce ha anche detto che i ribelli fedeli all’ex vicepresidente Riek Machar stavano avanzando sul capitale di Jonglei, dello stato di Bor, situato a soli 200 chilometri a nord della capitale Juba. «Mentre le nostre forze stanno facendo costanti progressi militari, mentre la leadership militare del Kiir si sta disfacendo», ha detto Koang. Il giorno dopo che il presidente ha licenziato il suo capo dell’esercito e capo dei servizi segreti sulla scia della perdita a Bentiu, un’altra capitale dello stato settentrionale e l’hub che è caduta nelle mani dei ribelli la scorsa settimana. Anche il Consiglio di Sicurezza dell’ONU sta monitorando la situazione in Sud Sudan. Secondo cui, si legge in un comunicato, siamo di fronte «all’inizio di un bagno di sangue imminente, escalation e la regionalizzazione del conflitto» nella nazione più giovane del mondo che ha avuto l’indipendenza da Khartoum nel 2011, dopo decenni di violenza e di guerra. Herve Ladsous, capo peacekeeping delle Nazioni Unite, ha chiesto la fine immediata delle violenze e ha avvertito che con il cambio di stagione, una “catastrofe umanitaria” sarebbe diventata più certa. Ha detto che un milione di persone sono a rischio di fame se la guerra non si fermerà. Più di un milione di persone hanno abbandonato le loro case dall’inizio dei combattimenti scoppiati nel paese più giovane del mondo nel mese di dicembre tra le truppe che appoggiano il Presidente Salva Kiir e soldati fedeli al suo vice licenziato, Riek Machar. L’ONU ha accusato i ribelli di cacciare e uccidere uomini, donne e bambini. La scorsa settimana i ribelli sono entrati in un ospedale, in una chiesa e nella moschea nella capitale dello stato Unity, hanno selezionato le persone in base all’etnia insieme ai produttori di petrolio e poi sono stati uccisi. Dopo che i ribelli hanno sequestrato Bentiu, i residenti della città Dinka Bor nello stato di Jonglei hanno attaccato una base delle Nazioni Unite. Dove vi erano circa 5.000 persone, per lo Nuer, erano rifugiati. Fonte Reuters. Hanno fatto finta di essere manifestanti pacifici consegnano una petizione alle Nazioni Unite prima di aprire il fuoco contro la base, uccidendo circa 58 persone e ferendone 98 , tra cui due caschi blu indiani, l’ONU ha detto. I membri del Consiglio di sicurezza stanno valutando sanzioni contro parti belligeranti del Sud Sudan con l’obiettivo di porre fine alle violenze. Migliaia di persone sono state uccise e decine di migliaia di persone hanno cercato rifugio presso le basi delle Nazioni Unite in tutto il Sud Sudan dopo la violenza diffusa in tutto il paese.