Sud Sudan: ribelli pronti ad assaltare i giacimenti

41

SUD SUDAN – Juba. 15/04/14. Secondo il Peninsula Qatar, il leader dei ribelli del Sud Sudan ha promesso di attaccare la capitale Juba e i giacimenti di petrolio importanti.

Lo ha detto all’agenzia di stampa AFP, sostenendo che la guerra civile non finirà fino a quando il presidente del paese non viene rimosso dal potere. L’ex vice presidente, capo dei ribelli Riek Machar, sostiene che l’attuale presidente Salva Kiir è un ” dittatore” e ha detto di non vedere nessuna possibilità di una «condivisione del potere». Il conflitto, nel paese più giovane del mondo, entra nel suo quinto mese mentre le istituzioni internazionali cercano una via per far sedere ad un tavolo le due parti in lotta. 

«Se vogliamo rimuovere il dittatore, Juba è l’obiettivo e insieme a questo anche l’assalto ai giacimenti petroliferi», ha detto Machar nell’intervista all’AFP in una località segreta nello stato settentrionale del Nilo una delle regioni produttrici di petrolio e quindi stato chiave per l’economia del Sud Sudan. «Stiamo resistendo solo a un regime che vuole distruggere noi», ha detto Machar, aggiungendo che sperava ancora in quell’accordo orami moribondo “di cessate il fuoco firmato in Etiopia nel mese di gennaio” «lo rispetteremo solo se lo sarà da entrambe le parti». Il conflitto nel Sudan meridionale ha lasciato migliaia di morti e costretto circa un milione di persone a fuggire dalle loro case dal combattimento che è scoppiato il 15 dicembre nella capitale Juba, prima di diffondersi ad altri stati nella nazione ricca di petrolio. Il combattimento è tra i soldati fedeli al Kiir contro le truppe ribelli che si sono schierate con Machar, quando è uscito perdente nel 2013. Il conflitto ha assunto anche una dimensione etnica, opponendo la tribù Dinka fedeli a Nuer Kiir contro il popolo di Machar. Seduto su una sedia di plastica nel suo campo base, una dozzina di capanne di fango su praterie piane, il  62enne Machar ha detto che era disposto a tenere un a faccia a faccia con Kiir, ma che questo colloquio non porterebbe a nulla. «Cosa dovrei dirgli? Tu sei un leader screditato, hai commesso massacri, spero che tu ammetta che», ha detto Machar all’AFP.