STRETTO DI HORMUZ. Intelligence USA, navi degli alleati contro Teheran

37

Gli Stati Uniti forniranno sorveglianza e supporto organizzativo alla coalizione proposta per rafforzare la sicurezza marittima contro le minacce iraniane nello Stretto di Hormuz, ma le navi statunitensi non scorteranno le navi di altre nazioni, ha detto martedì il più alto ufficiale in uniforme della nazione, riporta Defense One.

Dalla fine di giugno, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha cercato di reclutare alleati per partecipare al programma chiamato Sentinel che fornisce telecamere di sicurezza alle navi che transitano sullo stretto, e si pensava che includesse una scorta militare o una componente di pattugliamento. 

Il presidente del Joint Chief of Staff, Joseph Dunford, Mike Pompeo e Mark Esper, Segretario ad interim della Difesa, si sono incontrati per discutere i dettagli per vedere se si riuscisse a formare «una coalizione che garantisca la libertà di navigazione sia nello Stretto di Hormuz che nel Bab-el Mandeb. Abbiamo un concetto abbastanza chiaro di ciò che vogliamo fare (…) Il Comando Centrale torna da noi con un concetto piuttosto buono di operazioni e così ora siamo in grado di parlare con un certo grado di specificità con i nostri partner della coalizione», ha detto Dunford. 

Ha notato che si aspettava che lo sforzo fosse “scalabile”, a seconda di quanti partner si iscrivono. Gli Usa intendono fornire un contributo di intelligence, piuttosto che partecipare a veri e propri pattugliamenti di sicurezza o scorte. Le tensioni con l’Iran sono in aumento da maggio, quando il presidente Trump si è ritirato dall’accordo nucleare iraniano nel 2018, reimponendo sanzioni per soffocare Teheran. 

In giugno, Trump ha ordinato, poi annullato un attacco sull’Iran in risposta all’abbattimento di un drone americano da parte di Teheran. L’amministrazione ha anche attribuito all’Iran degli attacchi contro due petroliere, nessuna delle quali battente bandiera degli Stati Uniti. 

Nelle ultime settimane, l’Iran ha adottato misure per ripristinare elementi del suo programma di armi nucleari precedentemente limitato dall’accordo. E mentre gli alleati del Golfo sono preoccupati per l’aggressione iraniana, gli esperti si interrogano sul tipo di risorse che saranno in grado di dedicare allo sforzo. «Penso che probabilmente nelle prossime due settimane identificheremo quali nazioni hanno la volontà politica di sostenere quell’iniziativa e poi lavoreremo direttamente con i loro militari per identificare le specifiche capacità che potrebbero sostenerla. Ci stiamo preparando a partire», ha detto Dunford.

Luigi Medici