Stop ai flussi finanziari illeciti in Africa

41

ETIOPIA – Addis Abeba – 25/08/2013.  I dieci membri del Gruppo sugli illeciti flussi finanziari in Africa visiterà a partire dal 26 agosto e per tre giorni la Repubblica democratica del Congo (Rdc) per esaminare la gravità e la complessità del problema dei flussi finanziari illegali. 

 

Guidato dall’ex presidente sudafricano Thabo Mbeki, i membri del panel esploreranno i fattori chiave dei flussi, ciò che le autorità di Kinshasa e di altre parti interessate stanno facendo per invertire la situazione e quali ostacoli incontrano nei loro sforzi. La visita del 26-28 agosto è parte del tour in sette nazioni casi di studio per arrivare alla radice dei flussi illeciti di denaro dall’Africa e formulare raccomandazioni per bloccarlo e trovare eventualmente nuove vie per riparare ai danni creati, ha detto la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa (Eca).

Il punto più alto della visita del gruppo in Rdc sarà il tête-à-tête di Mbeki con il presidente Joseph Kabila, che sarà seguita da una tavola rotonda con il presidente ospite e membri della gestione economica del Team Rdc (Emt), tra cui alcuni ministri. Il gruppo avrà anche sessioni di lavoro con i responsabili delle varie istituzioni statali, il governatore della Banca centrale del Paese, il capo della sua Unità di informazione finanziaria e i principali attori della società civile.

Si stima che l’Africa perda almeno 50 miliardi di dollari ogni anno a causa di flussi finanziari illeciti, una cifra che supera l’aiuto pubblico allo sviluppo che riceve. L’idea di istituire il gruppo ad alto livello è stato pensato ad Addis Abeba, capitale dell’Etiopia, nel marzo 2011 durante la quarta riunione annuale congiunta della conferenza dei Ministri dell’Economia e delle Finanze dell’Unione Africana (Ua) e la Conferenza dei ministri africani delle Finanze, Programmazione e Sviluppo Economico dell’Eca. Successivamente, il gruppo ha iniziato a lavorare a pieno regime il 5 febbraio 2012 con la missione globale «di formulare raccomandazioni chiare sul controllo dei flussi finanziari illeciti provenienti dall’Africa».
Il suo obiettivo a lungo termine è quello di esaminare i fattori alla base dei flussi finanziari illeciti provenienti dall’Africa  per migliorare le misure di trasparenza e di rafforzare il controllo delle banche e centri finanziari internazionali, così come i centri finanziari off-shore che assorbono tali flussi. Supportato da un comitato tecnico e un segretariato, che fa capo al direttore della Divisione politica macroeconomica, il pannello ha la missione di fare lobbying sui governi e sugli attori chiave per costruire una coalizione contro i flussi finanziari illeciti provenienti da Africa, si consulta con i governi e il settore pubblico, organizza follow-up e workshop per preparare rapporti sui dati raccolti dalle consultazioni e produce prodotti per far conoscere il lavoro fatto sul contenimento dei flussi.