STATO ISLAMICO. Washington pagava la jizya all’Impero Ottomano

64

Gli Stati Uniti hanno pagato la jizya all’Impero Ottomano fino al crollo del Califfato dopo la Prima guerra mondiale.

Nella rete social dello Stato Islamico è girato in arabo questo post, che riportiamo traslitterato in inglese: «The amount of tribute paid by George Washington, the first American president of the Ottoman Empire, was 29% of the US budget. # Will return our date».
ISIS ricorda un fatto storico augurandosi che la storia si ripeta.

Ecco cosa avvenne e a cosa si riferisce ISIS. Nel 1783 la prima nave battente bandiera statunitense iniziò a navigare in acque internazionali e nel giro di due anni fu catturata dalla marina ottomana nacque algerine. Nel 1793 furono catturate altre 12 imbarcazioni della marina statunitense. Nel marzo 1794 il Congresso degli Stati Uniti autorizzò il Presidente Washington a spendere fino a 700.000 monete d’oro per costruire navi in acciaio che resistessero alla marina militare ottomana  Solo un anno dopo gli Stati Uniti firmarono il primo dei Barbary Treaties per risolvere la minaccia ottomana, 1795 con l’Algeria; seguito poi nel 1796 con Tripoli, 1797 con Tunisi, 1805 con Tripoli, 1815 con Algeri; 1824 con Tunisi; 1836 con il Marocco.

I termini del trattato erano i seguenti:
Il trattato prevedeva che gli Stati Uniti pagassero una tantum la cifra di 992.463 dollari; le navi americane catturate sarebbero state restituite e la Marina americana avrebbe dovuto ottenere il permesso di navigare nell’Oceano Atlantico e nel Mar Mediterraneo, in cambio, il governo americano avrebbe pagato in pezzi d’oro equivalenti a 642000 dollari; gli Stati Uniti avrebbero anche pagato un’imposta annuale (jizya) di 12.000 dollari in oro, il tributo annuale sarebbe stato calcolato in base al calendario islamico e non a quello cristiano; sarebbero stati pagati 585000 dollari per il riscatto dei marinai americani prigionieri; una nave d’acciaio all’avanguardia sarebbe stata costruita e consegnata all’Impero Ottomano; la costruzione sarebbe avvenuta negli Stati Uniti, con tutti i costi a carico degli Stati Uniti in cambio di privilegi sul mare.

Il trattato è stato scritto in turco e firmato dal Presidente Washington. È l’unico documento legale americano a essere mai stato concluso in una lingua straniera e l’unico trattato che gli americani hanno mai firmato in cui accettarono di pagare tasse annuali ad un’altra nazione. Questo trattato è stato valido fino all’abolizione del Califfato storico. Nella foto, la foto del documento così come è stata postata da ISIS.

Redazione

DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico.
È possibile acquistare il libro su
Tabook.it