STATO ISLAMICO. Se ISIS “vince” a Manhattan, al Qaeda scommette sul Sub Sahara 

132

È continuato il flusso di notizie dedicato all’attentato posto in essere dal giovane autista di limousine, che ha cercato di farsi saltare in aria con una “pipe bomb”. La scia di post sui gruppi affiliati a ISIS o supporter dello Stato Islamico ha prodotto anche una serie di grafiche, tra nuove e vecchie, che minacciano nuovi attentati terroristici negli Stati Uniti e in Europa. La “rassegna stampa” messa online da questi sottolineava l’importanza data alla notizia: “la propaganda ISIS ha influenzato il giovane che ha tentato l’attacco alla metropolitana di Manhattan”. A ISIS sostanzialmente è bastato, per dichiarare vittoria, l’accostamento: ISIS uguale attentato. 

Ora ISIS ha due obiettivi, come si evince dalle grafiche: colpire Manhattan e i luoghi cari a Trump. I supporter di ISIS  chiamano anche alle armi a Gerusalemme e in tutti i luoghi dove c’è una forte presenza israeliana. Sono poi stati aperti una serie di canali, oramai è prassi, dedicati a chi vuole fare il lupo solitario. Tra le immagini grafiche postate è riapparsa quella utilizzata dopo uno degli attentati a Londra, quello di giugno scorso per l’esattezza, in cui si chiamano alle armi i combattenti in Europa.

Nella rete social globale sta ricomparendo anche Al Qaeda, che ha ripostato anche il nasheed Ambasciatori della gloria, dedicato ai combattenti di Ansar al Sharia in Yemen. Tra le notizie di cronaca lanciate dalla rete qaedista, ci sono copiose quelle dalla Somalia. Al Shabaab ha rivendicato, infatti, un attentato con armi pesanti contro una caserma a Jalija, Bosasso, Puntland e sempre nella stessa zona è morto colpito da un IED un soldato. Altri due militi sono stati uccisi da al Shabaab a Mogadiscio. E Anche Ansar al Sharia ha rivendicato un attentato in Yemen con IED contro le forze della “Cintura di Sicurezza” ad Abyan.

L’area africana subsahariana sembra quella dover maggiormente si stanno appuntando le mire di Al Qaeda, rispetto ad altri scenari mediorientali. 

Redazione

DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico.
È possibile acquistare il libro su Tabook