STATO ISLAMICO. “Il Jihad prende una forma diversa”

67

Continua il trend di diffusione del nuovo Kolossal ISIS: Flames of War II. Il docufilm propagandistico è uscito anche sottotitolato in inglese e in lingua inglese, versione, questa, che differisce solo in alcuni punti di post produzione rispetto all’originale in arabo. Il film esalta i sostenitori ISIS dicendogli che la vittoria arride a chi sa usare le due armi messe a disposizione da Dio per i suoi fedeli: la pazienza e la costanza nella fede. 

La lotta sarà lunga contro l’impurità portata da chi non pratica l’Islam dello Stato Islamico, ma la vittoria arriderà ai mujahidin Daesh perché Dio è con loro, infatti «la vittoria non è una questione di armi e o di uomini ma è legata alla volontà di Dio», che è dalla parte di ISIS, ovviamente. Il docufilm termina con le minacce all’Occidente, citando, leziosamente, alcune scene del primo Flames of War del 2014. aggiungendo, escatologicamente che «Lo stato islamico è la parte migliore (della Umma, ndr) che resterà fino all’ultima ora». Un montaggio inappuntabile, effetti sonori e video degni delle precedenti produzioni al Hayat, che si rifaceva alle produzioni migliori di Hollywood, fanno da corredo ad un messaggio che invita alla resistenza nonostante la sconfitta temporanea nello Sham, perché «Il Jihad prende una forma diversa» ora.

Nell’arena della comunicazione “generica”, ISIS consiglia ai suoi adepti di fare molta attenzione alle notizie edite dal Sinai, perché ci sono molti infiltrati e si raccontano molte menzogne e chiede ai suoi di unirsi e creare una nuova comunicazione. Non solo, ISIS chiede agli esperti del web di dare una mano a quelli meno esperti e fare dei test di penetrazione informatica e di insegnare ai “junior” ad utilizzare “app protettive” in modo da restare invisibili agli occhi delle autorità.

Tra le minacce, molte le richieste di chiamata a combattere contro l’alleanza crociata nei Paesi fuori dai confini dello Sham, in segno di vendetta per le uccisioni ad Albu Kamal. Tra le grafiche contro l’Occidente ritornano quelle contro le festività natalizie e una nuova contro Parigi, con. chiamata alle armi per i lupi solitari ad agire armi bianche.

In uscita, inoltre, un video sul Sinai e uno di Asawirti Media contro la famiglia regnante saudita, Donald Trump e Papa Francesco I, considerati i leader dell’alleanza crociata. 

Redazione

DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico.
È possibile acquistare il libro su Tabook