STATO ISLAMICO. Dopo il kolossal, ripartono le minacce a Parigi 

51

Inutile dire che la comunicazione social di ISIS è stata centrata sulla diffusione di Flames of War II. Fino all’ultima ora, il docufilm di ISIS che ha avuto la sua massima divulgazione nel giorno del compleanno di Maometto. 

Sono stati creati canale cloni per gli scambi interattivi, aventi come simbolo del canale una grafica simile ad al Hayat, casa di produzione che ha pubblicato il video. Questi canali quindi erano deputati per primi a postare il video e a diffonderlo. Alle 23 del 29 novembre, oramai, tutti i gruppi telegram della social sfera di ISIS avevano avuto copia del video con tutti i link a seguire di dove scaricare il file. Daesh, dunque, non si è fatta attendere, rispettando le aspettative del pubblico.

La sua comunicazione mediatica oramai è standard: annuncio con foto o messaggi di imminente uscita, richiamo a vecchio video, promo istituzionale nell’arco delle 6 ore pubblicazione del video. La scelta della pubblicazione del video è sempre in notturna quando le autorità sono meno presenti in rete, ci sono meno notizie e i supporter di ISIS sono più liberi di sostenere la causa. 

Il canale preposto al lancio del docufilm ha avuto 3100 visite in poco tempo. In totale si sono raggiunti oltre 10.000 contatti per il video, contatti che hanno riportato e segnalato anche via twitter e facebook. A seguito dell’uscita on line del docufilm da 58 minuti di cui 4.30 di introduzione e circa 4 di chiusa, ISIS ha postato delle grafiche di minaccia contro gli USA e contro la Francia (nella foto). Infine come sempre ISIS ha fatto una rassegna stampa internazionale delle pubblicazioni che hanno parlato di Flames of War II.

Edito anche il numero due di Anfal, in report e anche il Daily Report del 29 novembre, oltre ad una grafica che spiega quali gruppi in Siria combattono contro ISIS. C’è attesa per un nuovo video in uscita dal titolo: “Il segreto degli Inghimasi”.

Redazione

DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico.
È possibile acquistare il libro su Tabook