STATO ISLAMICO. Coltelli e bombe all’acetone per attaccare l’infedele Europa

84

Sono ultimamente state pubblicate molte informazioni e creati addirittura canali per i”lupi solitari”  di ISIS, in tempi recenti. Ultimamente è stato dato molto risalto a due argomenti in particolare: le istruzioni per uccidere gli infedeli utilizzando i coltelli, e quelle per costruire bombe a TATP (cioè bombe all’acetone). Nel primo caso sono stati postati molti video, non ISIS, che insegnano come difendersi e colpire chi ha in mano un coltello; in cui vengono mostrati ancora una volta i punti sensibili dell’essere umano e quelli vitali; così come quelli sulle bombe mostrano come fabbricare simili ordigni. Questi canali danno anche una idea di come il Califfato intenda agire in Europa in aree come l’Italia ancora agli esordi. in cui sta puntando tutto sui lupi solitari che utilizzino armi bianche, mentre in Francia e in Gran Bretagna sono pronti per la fase due: esplosioni di bombe.

Nulla osta che si preparino anche attacchi con mezzi, ovvero investendo i passanti “infedeli”. È significativo osservare l’insistenza nel postare immagini e video che invitino all’azione. Per sostenere questa “metodologia” ISIS ha riportato le grafiche in materia su Rumiyah e ancora una infografica in cui si elencano i maggiori attentati portati avanti con mezzi come furgoni o auto, vedi Nizza. Nella social sfera di ISIS sono riapparse le parole di Abu Bakr al Baghdadi  che esortano i combattenti a lottare fino a quando non sarà ben chiaro chi sia l’ultimo nemico e a non stupirsi se anche i musulmani attaccano ISIS perché anche loro fanno parte del disegno di Dio.

Chiudiamo con un video da al Barakah, che mostra l’ira divina sugli Stati Uniti d’America ad opera degli uragani. Il video della durata di 5 minuti è intervallato da minacce di un combattente in lingua inglese, ma il giovane non sembra essere né Britannico né Americano, che spiega il destino degli Stati Uniti se non si pentono.

Redazione

DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico. 

È possibile acquistare il libro su Tabook.it