STATI UNITI. Gallup: il 52% degli americani vuole cacciare Trump

54

La maggioranza degli adulti degli Stati Uniti vogliono l’impeachment e la rimozione del Presidente Donald Trump dalla Casa Bianca. Lo rivela un sondaggio Gallup pubblicato il 16 ottobre che si inserisce nella scia di precedenti sondaggi similari. Solo che stavolta a condurre la ricerca è uno dei più accreditati istituti mondiali. 

Il 52% degli americani sostiene l’impeaching e la rimozione di Trump dall’ufficio, mentre il 46% non è d’accordo. Questo dato testimonia un aumento di 7 punti rispetto a quando la Gallup ha posto la domanda a giugno sempre sull’impeachment e la rimozione dopo l’indagine di Robert Mueller sul Russiagate. Il sostegno all’impeachment tra democratici e indipendenti è rispettivamente dell’89% e del 55%, con un sostegno indipendente che sale di 9 punti da giugno. Il sostegno repubblicano rimane basso – 6% nel nuovo sondaggio, in calo di un punto percentuale rispetto a quattro mesi fa.

Il rating di approvazione di Trump è rimasto stabile al 39%, ha rilevato Gallup. Il sondaggio ha anche rivelato che il rating di approvazione del Congresso è ora al 25%, rispetto al 18%, dopo che la Presidente della Camera Nancy Pelosi ha annunciato l’inchiesta sull’impeachment a settembre, riporta la Cnn.

Il livello di sostegno all’impeachment di Trump è molto più alto di quanto non sia mai stato per l’ex presidente Bill Clinton e soprattutto per l’ex presidente Richard Nixon in tutti i sondaggi finali prima delle dimissioni del 37° presidente, secondo il sondaggio Gallup.

È la prima volta che viene registrata una maggioranza così alta da un istituto accreditato dall’agosto 1974, quando il 58% sostenne la rimozione di Richard Nixon. Nixon si dimise da presidente quattro giorni dopo, quando divenne chiaro che sarebbe stato messo in stato di accusa dalla Camera dei Rappresentanti. 

Inoltre, i dati Gallup mostrarono che il sostegno per la rimozione di Bill Clinton come presidente raggiunse appena il 35% nel settembre 1998 nei mesi precedenti il processo di impeachment. 

Maddalena Ingrao