STATI UNITI. Fort Bragg addio

44

Chi ha paura del suo passato non ha futuro. Il Segretario dell’Esercito Ryan McCarthy e il Segretario della Difesa Mark Esper si sono detti disponibili alla possibilità di rinominare gli impianti dell’esercito attualmente intitolati ai militari confederati. L’apertura dei due leader a rinominare le installazioni viene dopo una settimana di proteste in tutti gli Stati Uniti in seguito alla morte di George Floyd, riporta Army Times.

La Guardia Nazionale dell’Esercito è stata dispiegata a Washington, D.C., e in altre parti del Paese, in risposta a quelle proteste. Anche le forze in servizio di Fort Bragg, North Carolina, e Fort Drum, New York, sono state brevemente trasportate nella capitale, ma non sono mai state utilizzate a Washington e sono state rimandate a casa la scorsa settimana.

Le proteste sull’ingiustizia razziale hanno riportato all’attenzione la questione dei simboli dedicati ai confederati negli States. Gli attivisti hanno detto che i monumenti confederati sono simboli che dovrebbero essere rimossi, così come l’intitolazione di stabilimenti miliari ai leader confederati è gradualmente tornata sotto esame.

Gli ufficiali dell’Esercito, riporta Army Times, a febbraio avevano detto che non c’era «nessun progetto di rinominare alcuna strada o installazione, comprese quelle che prendono il nome di generali confederati» perché la denominazione di quei siti è stata «fatta in uno spirito di riconciliazione, non per dimostrare il sostegno a una particolare causa o ideologia». La possibilità di rinominare gli impianti viene anche dopo che il comandante del Corpo dei Marines ha ordinato di rimuovere i simboli della Confederazione dalle basi dei marines di tutto il mondo.

La decisione del Corpo dei Marines è probabilmente molto più facile di quella che l’Esercito deve affrontare. I Marines non avevano lo stesso tipo di presenza nella Guerra Civile. Il comandante dell’esercito confederato, il generale Robert E. Lee, per esempio, ha una caserma che porta il suo nome presso l’Accademia Militare degli Stati Uniti a West Point, un’istituzione da cui si è diplomato nel 1829. Tuttavia, la caserma di Lee è stata aperta solo all’inizio degli anni Sessanta, un periodo in cui il movimento per i diritti civili stava prendendo piede.

L’esercito ha 10 installazioni militari che portano il nome di comandanti militari confederati, tra cui Fort Lee in Virginia, Fort Hood in Texas e Fort Bragg in North Carolina. Non esistono installazioni di questo tipo per gli altri dipartimenti militari, secondo il Congressional Research Service.

Tommaso dal Passo