STATI UNITI D’AMERICA. Per Jimmy Carter, i guerrafondai del mondo sono gli States 

97

Jimmy Carter è l’unico presidente degli Stati Uniti a completare il suo mandato senza guerre, attacchi militari o occupazioni e ha definito gli Stati Uniti «la nazione più guerrafondaia nella storia del mondo». Durante la sua regolare lezione della scuola domenicale nella chiesa battista di Maranatha nella sua città natale di Plains, in Georgia, Carter ha rivelato di aver recentemente parlato della Cina con il presidente Donald Trump. Carter, 94 anni, ha detto che Trump era preoccupato per la crescita dell’economia cinese ed ha espresso la preoccupazione che «la Cina ci sta superando», riporta Telesur.

Carter, che ha normalizzato le relazioni diplomatiche tra Washington e Pechino nel 1979, ha detto a Trump che gran parte del successo della Cina è dovuto alla sua politica estera pacifica: «Dal 1979, sa quante volte la Cina è stata in guerra con qualcuno?» ha chiesto Carter a Trump. «Nessuna, ma noi siamo rimasti in uno stato di guerra». Se è vero che l’ultima grande guerra della Cina, l’invasione del Vietnam, è avvenuta nel 1979, l’Esercito di liberazione popolare ha combattuto al confine con il Vietnam negli anni Ottanta. Da allora, tuttavia, la Cina è stata in pace con i suoi vicini e con il mondo.

Carter ha poi detto che gli Stati Uniti sono in pace solo da 16 dei suoi 242 anni come nazione. Contando le guerre, gli attacchi militari e le occupazioni militari, ci sono stati in realtà solo cinque anni di pace nella storia degli Stati Uniti: il 1976, l’ultimo anno dell’amministrazione Gerald Ford e il periodo 1977-1980, la presidenza di Carter. Carter si è riferito poi agli Stati Uniti come «la nazione più bellicosa della storia del mondo», un risultato, ha detto, che costringe altri paesi ad «adottare i nostri principi americani».

Il dividendo di pace della Cina ha permesso e rafforzato la sua crescita economica, ha detto Carter. «Quanti chilometri di ferrovia ad alta velocità abbiamo in questo paese», ha chiesto Carter. La Cina ha circa 29.000 km di linee ferroviarie ad alta velocità, mentre gli Stati Uniti hanno «sprecato, credo, 3 trilioni di dollari» in spese militari. Secondo uno studio del Watson Institute of International and Public Affairs della Brown University del novembre 2018, gli Stati Uniti hanno speso 5,9 trilioni di dollari per la guerra in Iraq,

«È più di quanto si possa immaginare», ha detto Carter della spesa bellica degli Stati Uniti. «La Cina non ha sprecato un solo centesimo in guerre, ed è per questo che sono davanti a noi. In quasi tutti i modi (…) E penso che la differenza è che se prendi 3 trilioni di dollari e lo metti nelle infrastrutture americane rimarrebbero probabilmente 2 trilioni di dollari», ha detto Carter alla sua congregazione. «Avremmo una ferrovia ad alta velocità. Avremmo ponti che non crollano, avremmo strade che sono mantenute correttamente. Il nostro sistema educativo sarebbe buono quanto quello della Corea del Sud o di Hong Kong».

La maggior parte dei paesi intervistati in un sondaggio Win/Gallup del 2013 ha identificato gli Stati Uniti come la più grande minaccia per la pace nel mondo, e un sondaggio Pew Research del 2017 ha rilevato che un numero record di persone in 30 nazioni intervistate considerava il potere e l’influenza degli Stati Uniti come una “grande minaccia”.

Luigi Medici