STATI UNITI. Bolton vince contro Trump: il suo libro esce

32

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton ha sconfitto il governo degli States nella sua richiesta di ritardare la pubblicazione di un libro di memorie che fa un ritratto poco lusinghiero del presidente Donald Trump.

Il giudice distrettuale Royce Lamberth a Washington, riporta Blommberg, ha respinto il tentativo del Dipartimento di Giustizia di bloccare la pubblicazione per motivi di sicurezza nazionale, di The Room Where It Happened: A White House Memoir in vendita dal 23 giugno.

Nella sua sentenza emessa il 20 giugno, Lamberth ha scritto: «Bolton ha giocato d’azzardo con la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Ha esposto il suo Paese a danni e se stesso a responsabilità civili (e potenzialmente penali). Ma questi fatti non riguardano la mozione davanti alla Corte. Il governo non è riuscito a stabilire che un’ingiunzione impedirà un danno irreparabile. La sua mozione è di conseguenza respinta».

La scorsa settimana, il Dipartimento di Giustizia ha citato Bolton per violazione del contratto, sostenendo che si era tirato fuori dal processo di revisione pre-pubblicazione che aveva accettato di sottoporsi quando aveva ottenuto l’autorizzazione di sicurezza. Il giorno dopo, il governo ha intensificato la sua risposta, chiedendo un’ingiunzione per fermare la pubblicazione del libro, anche se estratti dettagliati apparivano già sui principali quotidiani e circa 200.000 copie erano già state spedite ai librai.

Bolton ha sostenuto che il governo stava temporeggiando sulla recensione per assicurarsi che non uscisse prima di novembre e danneggiasse le possibilità del presidente di essere rieletto. L’ex consigliere della NSA ha anche detto che la pubblicazione è protetta dal Primo Emendamento.

Secondo le recensioni e gli estratti pubblicati, il libro di Bolton fa un ritratto poco lusinghiero della Casa Bianca, descrivendo Trump come ignorante dei fatti fondamentali della politica estera e motivato in gran parte da interessi politici. In un passaggio che è stato pubblicato, Bolton ha scritto che Trump ha esortato il presidente cinese, Xi Jinping, ad acquistare prodotti agricoli dagli Stati Uniti perché avrebbe aiutato la campagna di Trump a costruire un sostegno politico negli Stati rurali americani.

Il processo di revisione pre-pubblicazione è iniziato circa sei mesi fa, quando Bolton ha presentato una prima bozza a Ellen Knight, un funzionario del Consiglio di sicurezza nazionale, secondo la causa iniziale del governo. Dopo diversi cicli di modifiche, Knight ha concluso in aprile che il libro non conteneva più informazioni classificate, secondo la denuncia. Ma a maggio, Michael Ellis, un alto funzionario del Consiglio di sicurezza nazionale, ha riaperto il processo di revisione. Ellis, che avrebbe scoperto altro materiale classificato nel processo di revisione pre-pubblicazione, secondo Bolton, non ha avuto una formazione su come identificare tale materiale fino a giugno.

La mossa di Bolton di andare avanti con la pubblicazione del libro è stata una «decisione senza precedenti da parte di un autore di presentare un manoscritto per la revisione pre-pubblicazione, ma poi di uscire da quel processo prima che sia completato», hanno sostenuto i legali del governo.

Per tutta la scorsa settimana, tuttavia, gli esperti legali hanno respinto la possibilità che la Casa Bianca potesse fermare la pubblicazione del libro, citando il caso Pentagon Papers, in cui la Corte Suprema ha respinto una richiesta simile del presidente Richard Nixon.

Maddalena Ingroia