Popoli dell’Asia verso la Comunità

54

SRI LANKA- Colombo. Oltre 240 membri di diversi partiti politici, provenienti da 32 paesi dell’Asia si sono incontrati per partecipare all’Assemblea generale dell’ottava Conferenza Internazionale di Partiti Politici asiatici (ICAPP), volte alla ricerca di nuovi modi per promuovere la connettività nella regione.

Il battesimo della conferenza, dal titolo, Costruire una Comunità in Asia, è stato tenuto dal presidente dello Sri Lanka, Mahinda Rajapaksa che ha salutato i leader politici in Asia e li ha esortati a collaborare per proteggere la sovranità delle nazioni asiatiche da forze esterne che cercano di interferire negli affari interni di altri paesi sotto la maschera della democrazia. Il presidente ha detto che le tendenze emergenti nel mondo, coinvolgono anche dell’Asia, e vi sono segnali pericolosi per la Comunità dell’Asia. «Vediamo come forze esterne sotto la veste della democrazia e di altri slogan seducenti cercano di interferire negli affari interni di altri paesi. Essi mostrano poca preoccupazione per le nazioni destabilizzate. Incoraggiano la disarmonia interna e ora vediamo come si stia utilizzando anche i social media dalle forze che stanno continuando a dividere le nazioni a separarle e a vivere nel terrore», ha detto. La conferenza di quattro giorni, termina oggi, ed è ospitata congiuntamente dal governo dello Sri Lanka, Freedom Party (SLFP) e dal principale partito di opposizione United National Party (UNP). I delegati dei 75 partiti politici, compreso quello dalla Cina stanno partecipando alla riunione. Il presidente Rajapaksa ha dichiarato: «Costruire una Comunità dell’Asia richiede l’unità dell’Asia per affrontare queste tendenze pericolose e ci deve essere cooperazione per proteggere la sovranità delle nazioni dell’Asia.
Dobbiamo unirci per combattere le minacce poste dalla criminalità organizzata internazionale, il traffico di droga, traffico di esseri umani, il riciclaggio di denaro e il terrorismo e il suo finanziamento» ha chiosato il presidente.

Ha detto che è l’occasione più tempestivo per ricordare al mondo ciò che lo Sri Lanka ha detto in precedenza che “tutti i terroristi sono uguali, sono tutti brutali, tutti svolgono atti di barbarie, e tutti sono pronti a massacrare persone innocenti. “

Maldive presidente Abdulla Yameen era tra gli invitati che hanno affrontato la conferenza. I membri dell’ala giovanile e ramo femminile sono inoltre tenuti a tenere riunioni a margine della conferenza.