SPECIALE DAESH MATRIX #63

80

di Redazione ITALIA – Roma 09/01/2017. In rete, dopo gli eventi di Istanbul di Capodanno, sono esplosi gli slogan in favore del Jihad «La fragranza del paradiso è nel jihad» è uno dei post che più è circolato in questo giorni; addirittura Daesh ha creato un canale social apposito per informare/confutare gli errori investigativi turchi sull’attentato al Reina’. In Iraq, stupisce un calcolo che girava in rete sui tempi delle operazioni contro lo Stato Islamico: facendo una serie di calcoli tra il terreno ripreso dall’esercito iracheno e il tempo impiegato per farlo, l’esercito iracheno impiegherà due anni per riconquistare Mosul. Sì, perché anche quando le forze irachene riconquistano, poi devono almeno due volte ritirarsi per via degli attacchi suicidi. Tra le foto postate e più fatte girare, quelle dei soldati americani arrivati a Mosul e pronti ad entrare in azione sotto la bandiera irachena. Scontri al confine siriano, perché Daesh ha assoluto bisogno di lasciare liberi i passaggi tra Siria e Iraq, sia per dare una via di fuga ai suoi sia per poter mandare in supporto in Siria nuovi combattenti. Alcuni post asseriscono che le milizie sciite saccheggino i campi petroliferi, in modo particolare rubando gli equipaggiamenti. A fare il paio con i soldati Usa stanno le foto dei Rafale francesi arrivati ad Erbil. Notizia, che sommata a quella degli Usa, fa pensare a un imminente attacco stile Ramadi o Raqqa su Mosul, via aria e poi via terra.
In arrivo in Siria altri mezzi russi. Serviranno per mantenere la “pace” ad Aleppo, mentre Assad intende portare avanti la sua guerra di sterminio dei ribelli a Idlib e Damasco. I ribelli hanno postato delle grafiche dei paesi che sostengono Assad, tra questi: Iran, Afghanistan, Pakistan, Libano (Hezbollah) e altre milizie sciite, Iraq, e infine i palestinesi.
Si sono registrati scontri molto duri ad al Bab tra esercito turco e quel che resta dei ribelli contro Daesh; secondo alcuni account i turchi hanno sparato ininterrottamente: ogni ora, ogni mezz’ora, ogni quarto d’ora, ma nonostante questo non riescono a sfondare in città. Il 60% della città è distrutto.
DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico. Per informazioni e prenotazioni scrivere a: segreteria.redazione@agccommunication.eu