SPECIALE DAESH MATRIX #49

44

di Redazione ITALIA – Roma 21/12/2106. Continua regolare la comunicazione ufficiale del Stato Islamico all’interno dell’alveare comunicativo; usciti regolari i bollettini, e una serie di nuove infografiche, che illustrano il secondo mese della battaglia a Mosul (in apertura) e la statistica dei due mesi di battaglia intorno alla città irachena, esaltano le virtù dei combattenti ISIS a testimonianza della sconfitta della coalizione di infedeli che li contrasta. ISIS per riaffermare la sua “vittoria” cita addirittura la CNN ribadendo che è fallita la campagna militare americana contro ISIS in Siria e Iraq.

Gli account social di ISIS festeggiano quindi. Alla fine i media iracheni hanno dovuto ammettere la difficoltà delle battaglie a Mosul, e ancora hanno ammesso che la violenza di ISIS ha fermato l’avanzata. Daesh insiste con attacchi suicida per mantenere posizioni allargando l’area degli attacchi. I fronti aperti a Mosul, da quanto si apprende via social, sono stati quello a est e quello a nord est, teatro di una serie di operazioni suicide e di silente controffensive
Lo Stato Islamico continua a colpire ancora Baghdad e oramai si muove in città in maniera abbastanza libera, viste le discussioni e diatribe tra diverse fazioni sciite.
In Siria, Aleppo sta per morire e Idlib è la prossima. A Idlib sono arrivati i bus per evacuare gli sciiti e ne sono stati bruciati alcuni ma l’evacuazione comunque è continuata per tutto il giorno. Non appena tutti saranno arrivati ad Aleppo, e gli abitanti di Aleppo est saranno arrivati ad Idlib o a Aleppo ovest verranno bombardati. A maggior ragione dopo l’uccisione dell’ambasciatore russo in Turchia rivendicata da un gruppo siriano islamista non affiliato allo Stato Islamico.
DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico. Per informazioni e prenotazioni scrivere a: segreteria.redazione@agccommunication.eu