SPECIALE DAESH MATRIX #45

50

di Redazione ITALIA – Roma 17/12/2106. Notizia da segnalare per il teatro iracheno è il ritorno di Daesh a Diyala, verso l’Iran, ad Albu Tiraz. Si tratta di piccoli tasselli messi nella direttrice verso Baghdad.  C’è stata un’esplosione di rabbia nell’alveare social di Daesh lo scorso 14 dicembre, perché l’aviazione USA ha colpito l’unico ponte ancora attivo che collegava Hawija e Zab. Il rallentamento dei collegamenti significa difficoltà di approvvigionarsi e inizio dell’assedio da parte degli iracheni sulle popolazioni a Zab. Nonostante la difficoltà di reperire notizie su quanto accade in Iraq, viste anche le disposizioni date dal governo iracheno, Daesh tiene informati i suoi sugli eventi bellici, come la ripresa di al Tamim, zona est di Mosul, o delle bombe che continuano a esplodere a Baghdad contro sciiti.  In Siria occorre segnalare il finto cessate il fuoco ad Aleppo e l’attacco e poi la cattura dell’aeroporto T4 da parte di Daesh; il T4 è uno degli aeroporti più importanti della Siria. La questione è talmente delicata che il numero uno della difesa USA in Iraq ha detto nei giorni scorsi che se i russi non bombarderanno lo faranno gli americani. Ci sono state manifestazioni in Palestina, esaltata dalla sfera social di Daesh che hanno creato malcontento in Iran; gli uomini di Hamassi sono mossi in solidarietà con i civili ad Aleppo. Sempre via social, vengono segnalati dagli attivisti arresti di sciiti da parte di Hamas. Altre manifestazioni di solidarietà in favore di Aleppo sono giunte, via social, da Idlib, che rischia di essere la prossima città ad essere presa di assalto da Assad e dai Russi, e in Bosnia. La situazione ad Aleppo, nonostante il cessate il fuoco, è stata ed è complicata e tragica. Segnalati attacchi aerei con cluster bomb alla periferia di Aleppo in una zona che ospitava oltre 100mila persone e come se non bastasse vengono raccontati via social da attivisti e non esecuzioni di civili da parte delle forze vittoriose.  Inoltre per quanto riguarda presa di Palmira, un account postava una notizia che ha fatto il giro della rete: i russi avrebbero fatto un accordo con Daesh per evacuare la base a Palmira e in cambio avrebbero ottenuto il non bombardamento sulle unità del Califfato che nella battaglia avrebbero perso dai 150 ai 300 combattenti.

DAESH MATRIX è il secondo volume dedicato al fenomeno dello Stato Islamico. Per informazioni e prenotazioni scrivere a: segreteria.redazione@agccommunication.eu