Spagna regina del vertice dei Paesi dell’America Latina

57

La Spagna reduce dal declassamento dei suoi standard economico-finanziario ha puntato sull’internazionalizzazione del sistema- infrastrutturale iberico per la ripresa.

A Madrid si è tenuta martedì scorso una riunione dei ministri dei Paesi dell’America latina, un incontro di preparazione per il XXII vertice latino-americano che si terrà il prossimo novembre a Cadice. Tema dell’incontro: La tempistica delle infrastrutture, il cambiamento necessario, teso a promuovere lo sviluppo delle reti di infrastrutture di trasporto efficienti e sostenibili, sviluppo a cui la Spagna è pronta a contribuire fortemente. «L’incontro, si legge nel sito http://www.ipparaguay.com.py, ha lo scopo di stimolare la discussione tra le autorità dell’America Latina, di conciliare impegni e di Stato per la pianificazione della logistica infrastrutture di trasporto e il finanziamento delle infrastrutture pubbliche». A sottolineare l’impegno spagnolo, le parole del Ministro per lo Sviluppo della Spagna, Ana Pastor che nel suo discorso inaugurale ha detto: «è bene per l’America Latina e Spagna che continuano a lavorare per una strategia comune, utile a tutti, per rafforzare i loro legami al di sopra differenze e permettono di mettere da parte le divergenze e tensioni». E ancora: «Dobbiamo fare uno sforzo per pianificare e coordinare le politiche infrastrutturali che si traducono in un sistema di trasporto sostenibile». Egli ha inoltre indicato che questo è un modello che mira a rafforzare l’efficienza economica, sulla base di rigorosi standard di efficienza, redditività e sociale, per mantenere lo spirito di servizio di trasporto pubblico. Successivamente ha portato alla presentazione di ministri e segretari di Lavori Pubblici e Comunicazioni, Ecuador, Messico e Cile la pianificazione infrastrutture di trasporto, pianificazione che verrà ripresa nel corso del vertice di novembre concentrato anche su chie  come finanzierà le infrastrutture pubbliche.