SPAGNA. Meno migranti grazie alla cooperazione con il Marocco

91

Secondo una dichiarazione del Ministro dell’Interno spagnolo, Fernando Grande-Marlaska, «il coordinamento con i paesi di origine e di transito nella lotta contro queste le reti del contrabbando di uomini ha portato, da febbraio, ad un calo degli arrivi di migranti che è stato confermato durante questo mese di marzo».

Il ministro Grande-Marlaska, ha sottolineato gli sforzi del Marocco per combattere le reti del traffico di migranti a Malaga, durante un incontro sulla migrazione a Malaga, nel sud della Spagna, riporta Morocco World News. 

«Gli sforzi delle autorità marocchine in questo settore stanno portando ad un calo degli arrivi di migranti verso le coste spagnole», ha detto il ministro.

Grande-Marlaska ha sottolineato la necessità di una maggiore cooperazione con i paesi di origine e di transito. Il Marocco, paese di transito, ha chiesto all’Unione europea finanziamenti per combattere l’immigrazione irregolare, sostenendo che non può agire da solo.

Anche la Spagna, poiché è porta d’ingresso per l’Europa, ha collaborato con il Marocco per controllare l’immigrazione alla loro frontiera. Nell’ottobre 2018, l’Ue ha concesso aiuti per 70 milioni di euro ciascuno alla Spagna e al Marocco, «principalmente per l’acquisto di attrezzature per il controllo delle frontiere», secondo El Pais. Nel 2018 l’UE si è impegnata a fornire assistenza finanziaria al Marocco per il controllo delle frontiere e la creazione di posti di lavoro per migliorare le condizioni di vita dei migranti.  

L’ultimo aiuto finanziario ricevuto dal Marocco è stato di 30 milioni di euro, annunciato dall’Ungheria. Il pacchetto è stato approvato in occasione di un vertice tra i primi ministri dell’Europa orientale e la cancelliera tedesca Angela Merkel in febbraio. L’anno scorso, il Marocco ha contrastato 88761 tentativi di immigrazione irregolare secondo i dati governativi, con un aumento del 37 per cento rispetto alle statistiche dell’anno precedente.

Dal 1° gennaio al 18 dicembre 2018, l’Europa ha accolto 111.558 migranti attraverso il Mediterraneo, con i porti spagnoli che, secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, ricevono il 50% di tutti i migranti che sono entrati nei porti europei. I marocchini costituiscono il 31 per cento dei migranti irregolari che sono arrivati in Europa nel 2018; il 20 per cento proviene dalla Guinea e il 16 per cento dal Mali. 

Antonio Albanese