Arrestati due arruolatori DAASH in Spagna

65

SPAGNA – Madrid 09712/2015. La polizia spagnola ha arrestato il 8 dicembre, due persone di nazionalità marocchina, sospettati di reclutamento nelle Isole Canarie e in Catalogna, per lo Stato Islamico.

I due sospetti usavano Internet e dalla rete avevano postato anche minacce contro Spagna e Francia, ha detto il ministero dell’Interno spagnolo. Si tratta di un uomo di Barcellona di 32 anni e di una donna, 19 anni, di Fuerteventura entrambi con permesso di soggiorno. erano in contatto con Daash in Siria e avevano prestato giramento di fedeltà a al Baghdadi, afferma il ministro iberico Jorge Fernandez Diaz. Su Internet, i due avevano diffuso sulla rete documentazione per reclutare, e addestramento nell’uso di fucili ed esplosivi. Fernandez Diaz ha spiegato che i due presunti jihadisti fanno parte di una strategia in corso di Daash che prevede l’utilizzo di giovani donne e uomini contattati attraverso Internet che non devono spostarsi nel territorio del Califfato. Il ministro ha detto che «il limite della radicalizzazione» è stato il giuramento a Daesh da cui non si può tornare indietro, ha affermato il ministro. In Spagna, al momento ci sarebbero 100 jihadisti in carcere e che sono molteplici le operazioni in corso messe su dall’intelligente iberica. La campagna di sensibilizzazione “Stop Radicalismos” ha stimolato una moltitudine di chiamate in base alla quale ci sarebbero 50 casi che meritano di essere indagati e che sono stati inviati all’intelligence, perché potrebbero trattarsi di processi di radicalizzazione.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlibaba entra in PSBC
Articolo successivoI soldi di DAASH