SPAGNA. Bibendum “street art”

35

Una mostra a San Sebastian, Spagna, ha aperto le sue porte il 7 aprile interamente dedicata a Bibendum, l’icona fatta di pneumatici per auto, meglio conosciuta come “l’uomo Michelin”.

Bibendum è uno dei simboli pubblicitari più riconoscibili del mondo e uno dei più antichi marchi commerciali: è stato presentato al mondo dai fratelli Michelin alla mostra del 1894 di Lione.

La mostraLiñiou Fate” che nella lingua dell’Africa occidentale wolof significa “I Dimenticati” fa ammirare la Bibendum “street art”; oggetti meccanici dell’Africa sub-sahariana utilizzati come insegna per l’attività  “precaria” e artigianale di riparazione di pneumatici. La mostra riporta Efe si tiene presso il Museo san Telmo e presenta 25 pezzi e decine di immagini originali, in formato originale, di Bibendum come appare attraverso gli occhi dei meccanici in paesi come Mauritania, Senegal, Mali, Burkina Faso, Gambia e Benin. La mostra può essere visitata fino al 2 giugno a San Sebastian.

Ci sono sorridenti Bibendum bianchi, verdi, blu, anche neri; che danno sia il benvenuto ai clienti o che li salutano, che saltano, che fanno il gesto di vittoria, molto obesi o molto sottili, con gli occhiali o senza.

Per gli organizzatori si tratta di arte che sparirà perché esposta alle intemperie; purtroppo la Michelin Corporation non ha mostrato alcun interesse per la raccolta, perché non in sintonia con l’immagine ufficiale della società di pneumatici.

Alcune sono copie molto precise del Bibendum, mentre altre raggiungono i vertici del surrealismo o dell’interpretazione naif rendendolo riconoscibile per il filo dei suoi pneumatici.

Bibendum che sembrano quasi umani, altri hanno i capelli, altri indossano un berretto da baseball, ma la mostra, soprattutto, fa riflettere sulla creatività scatenata che può derivare dalla mancanza di risorse dell’Africa, una povertà spesso vicina alla sussistenza, ma anche il suo ottimismo sfrenato, la sua ricerca incessante della felicità e la volontà di ottenere il massimo dalla vita.

Lucia Giannini