Spagna, Bad bank partecipano i privati

51

SPAGNA – Madrid. Gli investitori privati tra cui le banche spagnole e le compagnie di assicurazione hanno accettato di acquistare il 55 per cento del capitale della bad bank spagnola, permettendo così al governo di mantenere i suoi libri contabili in sicurezza, ovvero  non aggravati dal debito della banca. 

Quattordici nuovi investitori si sono già uniti a Banco Santander SA (SAN) e CaixaBank SA (CABK) in quanto soggetti interessati a Sareb la bad bank spagnola. Mentre Deutsche Bank AG (DBK) e Barclays Plc e Bankinter SA (BKT), Ibercaja e Mapfre SA (MAP), sono invece nuovi investitori.

 

«Voglio ringraziare tutte quelle istituzioni che hanno abbracciato il capitale di Sareb, perché sanno benissimo che non si tratta di un governo, ma di una questione di stato», ha detto il ministro dell’Economia Luis de Guindos in una commissione parlamentare oggi a Madrid.

 

La Spagna sta creando una bad bank che avrà in pancia 60 miliardi di euro di debito di istituti di credito che hanno a loro volta usufruito di aiuti di Stato, come il gruppo Bankia il cui patrimonio immobiliare è diventato carta straccia quando il mercato immobiliare del paese è crollato. La formazione di Sareb è un ancora di salvataggio europea per il settore bancario spagnolo concordata con l’Unione stesa nel mese di luglio.

 

Santander, CaixaBank, Banco Sabadell SA, Kutxabank e Banco Popular Espanol SA (POP) saranno i principali investitori di Sareb, mentre dal lato assicurativo è Axa che metterà mano al portafoglio, 10 milioni di euro mediante la sua filiale in Spagna.

 

Il governo stava cercando investitori stranieri per vendere almeno il 10 per cento delle azioni della nuova banca per dare credibilità al progetto. Mentre con l’operazione odierna il governo sta mantenendo la sua partecipazione in Sareb di sotto del 50 per cento. L’obiettivo è che la bad bank emetta titoli da incassare tra 15 anni al tasso del 15 per annuo ha riferito Fernando Restoy, presidente della Frob. Contributi a Sareb includono 431.000.000 € di Frob e 524 milioni di euro da investitori privati in una fase iniziale, secondo la dichiarazione di ieri. Tali importi aumenteranno in una seconda fase, hanno fatto sapere dai vertici di Sareb. Banco Bilbao Vizcaya Argentaria SA (BBVA), Spagna il secondo più grande istituto di credito del paese, non figura tra gli investitori. Il capitale iniziale sarà composto da 25 per cento del patrimonio netto e il 75 per cento del debito subordinato, secondo la dichiarazione.