SOMALIA. Shabaab combatte il COVID-19

44

Il gruppo islamista somalo al Shabaab ha detto lo scorso 12 giugno di aver creato un centro di cura per la pandemia da Covid-19 nel paese, e che la malattia rappresenta una grave minaccia, citando le autorità sanitarie internazionali.

«Il comitato di prevenzione e trattamento del virus coronavirus di Al Shabaab ha aperto un centro Covid-19», ha detto il gruppo in un programma trasmesso della loro radio Andalus, aggiungendo che il centro è stato allestito a Jilib, circa 380 chilometri a sud della capitale Mogadiscio. «Le organizzazioni sanitarie internazionali hanno detto che il Covid-19 si sta diffondendo terribilmente nei paesi del continente africano», ha poi proseguito lo speaker di al Shabaab, riporta Defence News.

Da più di un decennio il gruppo terroristico sta cercando in maniera violenta di rovesciare il governo centrale del paese del Corno d’Africa, sostenuto dall’Occidente, e stabilire un proprio governo basato su una propria interpretazione rigorosa della sharia islamica. In Somalia effettua spesso attentati dinamitardi e suicidi oltre che assalti con armi da fuoco contro obiettivi militari e civili, tra cui alberghi, incroci e posti di blocco.

Nella trasmissione in cui si dava l’annuncio del centro anti Covid-19, un uomo che si è identificato come lo sceicco Mohamed Bali ha ringraziato al Shabaab per aver allestito il centro e ha chiesto a chi aveva i sintomi di presentarsi al centro: «Ringraziamo l’amministrazione che ha istituito il centro, chiediamo alla gente di non nascondere la malattia per evitare la diffusione del virus, la gente dovrebbe fare riferimento al centro», ha detto.

Un’altra persona della trasmissione, che non si è identificata, ha detto che il centro è pronto con veicoli per il trasporto di sospetti pazienti affetti da coronavirus che chiamano in cerca di cure.

Va ricordato che anche lo Stato Islamico aveva messo in guardia dal Covid-19 attraverso una serie di infografiche uscite sul suo settimanale An Naba nel pieno rispetto delle regole internazionali imposte dall’Oms. Centri anti Covid-19 sono stati creati anche dall’Emirato Islamico d’Afghanistan, al Qaeda. 

Tommaso dal Passo