SOMALIA. Avviata la ricostruzione dell’esercito somalo

201

di Antonio Albanese SOMALIA – Mogadiscio 28/01/2017. I leader dell’Esercito nazionale somalo hanno incontrato funzionari militari e civili internazionali per discutere il futuro della sicurezza della Somalia al 2017 Sna Symposium a Mogadiscio il 10 gennaio scorso.

Il simposio, riporta un comunicato Africom, è parte di uno sforzo internazionale per aiutare lo sviluppo di condizioni di sicurezza in tutta la Somalia, favorendo la crescita e la rivitalizzazione delle forze di difesa militare nazionale, scioltesi dopo il crollo del governo centrale del paese nel 1991.
L’evento ha fatto incontrare tutti i protagonisti impegnandoli in un colloquio; più di 60 partecipanti hanno partecipato alla manifestazione di due giorni, tra cui i rappresentanti di Danimarca, Germania, Italia, Somalia, Turchia, Uganda, Emirati Arabi Uniti, il Regno Unito e gli Stati Uniti d’America. Erano presenti anche rappresentanti di organizzazioni internazionali, come le Nazioni Unite, l’Unione europea, e Amisom che ha contribuito a mantenere la stabilità in Somalia dal gennaio 2007.
Ogni gruppo di somali presente è stato incaricato di stabilire una linea di condotta che permetta a uomini, equipaggiamento, addestramento nelle forze armate somale. Si sono così evidenziate le somiglianze, le differenze e le sfide di uno sforzo coordinato teso ad aumentare le capacità dell’esercito somalo e così provvedere alla sicurezza della Somalia.
Sono quindi stati identificati i diversi requisiti fondamentali su cui hanno concordato tutti i partecipanti per la crescita e lo sviluppo dell’esercito somalo unito. Questo simposio in sé non ha risolto i problemi di sicurezza della Somalia, ma ha aperto una finestra su cui concentrare gli sforzi della comunità internazionale.