No all’abolizione dei visti per i russi

6

BULGARIA – Sofia. 26/06/15. La commissione Politica economica e Turismo dell’Assemblea nazionale bulgara non hanno sostenuto la proposta dei parlamentari di abolire il regime dei visti per i turisti russi.

I cittadini della Russia continueranno ad essere rilasciato un visto per un breve soggiorno in Bulgaria per un massimo di 90 giorni, ha riferito BGNES. L’iniziativa per l’abolizione dei visti è venuto da deputati del partito “Ataka”. Secondo loro, in modo che può essere parzialmente indebolita dal previsto calo del flusso turistico dalla Russia durante la stagione estiva. Tuttavia, la commissione parlamentare, che si è riunita il 24 giugno ha respinto la proposta. Contro l’abolizione dei visti erano schierati, in particolare, il Ministero degli Esteri e il Ministero degli Interni. Il ministero degli Esteri ha osservato che la presenza del regime dei visti con la Russia risponde alle normative europee del 15 marzo 2001, secondo le quali i cittadini di paesi terzi devono avere un visto all’atto dell’attraversamento delle frontiere esterne dei paesi – membri dell’UE. Inoltre, il Ministero degli Esteri ha deciso che il progetto di proposta di decisione è incompatibile con l’accordo sull’adesione della Bulgaria all’Unione europea. «C’è una riduzione del numero di cittadini russi che viaggiano verso la Bulgaria. Il visto è il più piccolo ostacolo, non influisce sul viaggio. La riduzione dei turisti russi in corso nasce da altri motivi che non sono legati al Ministero degli Esteri bulgaro» hanno detto in una riunione degli esperti del ministero.

Come riportato REGNUM IA , l’ultima stagione invernale turistica in Bulgaria è stato caratterizzato da una significativa riduzione del flusso di turisti dalla Russia. Secondo i calcoli degli operatori turistici, nelle stazioni sciistiche del paese mancavano circa un quinto di turisti russi. Nel tentativo di porre rimedio alla situazione nel mese di febbraio, la Bulgaria ha adottato una decisione in merito alla semplificazione delle procedure di rilascio dei visti turistici per i cittadini russi. Nonostante questo, a maggio, il numero di turisti russi in costa bulgara del Mar Nero è diminuito di quasi il 30% rispetto all’indice tradizionale. Come ha detto il presidente della Camera Burgas turistico regionale, Ivan Ivanov, durante i mesi estivi, questa tendenza può peggiorare ancora di più. I tour operator dicono che molti dei turisti russi ora preferiscono le vacanze altrove. Vedi la Crimea.