Maikop – Sochi, strade fuori controllo

67

CAUCASO DEL NORD – Sochi. 19/01/14. In mezzo a crescenti misure di sicurezza nel Caucaso del Nord prima della Olimpiadi invernali 2014, secondo la testata Caucasian Knot, la sezione stradale Maikop – Sochi rimane fuori controllo, almeno ufficialmente – dalle forze dell’ordine. Sostanzialmente la Strada attraverso il passaggio di Shaumyansky rimane la via più breve dalle repubbliche nord caucasiche per arrivare nella capitale delle Olimpiadi Invernali nel 2014. La strada non è cntrollata a livello di polizia ed è pericolosa a livello di sicurezza stradale.

 

Come precedentemente riportato dal ” Caucasian Knot “, dal 7 gennaio al Sochi ha introdotto misure rafforzate per la sicurezza dei Giochi paraolimpici invernali del 2014 e Olimpici. Inoltre, dal 7 gennaio al 21 marzo 2014, secondo il decreto presidenziale sono state rafforzate le misure di sicurezza per tutta la durata delle Olimpiadi 2014, con una limitazione del traffico veicolare dall’80esimo km della strada A-147 Dzhubga – Sochi – fino al confine con l’Abkhazia. E ancora per i proprietari di veicoli non accreditati sarà molto difficile trovare parcheggio nei pressi dell’area dei giochi olimpici. 

Ma a quanto pare gli strateghi della sicurezza per i giochi olimpici si sono dimenticati del passaggio Shaumyansky. Eppure questa strada è pericolosa è nota non solo ai residenti del territorio di Stavropol, per via di una serie di omicidi ma anche perché è una delle strade preferite dai proprietari dei veicoli di Kabardino-Balkaria, Karachay-Circassia, Cecenia e Daghestan. 

Secondo il “Yandex Maps.” La Strada da Krasnodar a Sochi attraverso il villaggio Dzhugba, l’autostrada federale M4 “Don” – circa 40 chilometri lungo cammino verso la città turistica di Maikop non è controllata dalle forze di sicurezza e potrebbe essere una strada diretta utilizzata dai terroristi per attaccare Sochi. Inoltre, la zona tra Tuapse Dzhubga ed è classificato come percorso ad alto rischio e in qualsiasi momento dell’anno si limita il traffico.

Inoltre il passaggio Shaumyansky è privo di marciapiede asfaltato, e in condizioni di scarsa visibilità in curva, lungo la strada non ci sono recinzioni. Durante una grave frana, l’8 febbraio 2011 al chilometro 56 ª aveva distrutto la strada Dzhubga – Sochi, traffico deviato al passaggio da Shaumyansky.

Le autorità Krasnodar sostengono che subito dopo le Olimpiadi Invernali, si impegneranno nella ricostruzione della strada Sochi – Dzhugba destinando a tale scopo circa 300 miliardi di rubli. Previsto anche un’importante ricostruzione della strada attraverso il passo Shaumyansky, per un costo stimato in 4 miliardi di rubli, secondo il “giornale di affari. Sud”.