Tedofori nello spazio

69

KAZAKHSTAN – Baikonur 07/2013. La navicella russa Soyuz Tma-11M ha un equipaggio di tre uomini (il cosmonauta russo Mikhail Tyurin, l’astronauta della Nasa Rick Mastracchio e l’astronauta nipponico Koici Wakatache) che hanno con loro la torcia olimpica dei giochi olimpici invernali del 2014 a Sochi.

Il 7 novembre la Soyuz si è agganciata alla Stazione spaziale internazionale. «L’attracco è stato effettuato nei tempi previsti in modo automatico» ha detto un portavoce dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, intorno alle 4:40 ora di Mosca (12:40 Gmt). La tv Rossiya 24 ha mostrato i nove membri dell’equipaggio che si passavano la torcia olimpica, spenta, in una trasmissione in diretta dalla Iss. L’arrivo della Soyuz ha portato a 9 il personale sulla Iss, per la prima volta da ottobre 2009 senza uno shuttle statunitense, messo in pensione a metà del 2011. A bordo c’erano già, i cosmonauti russi Fyodor Yurchikhin, Oleg Kotov e Sergei Ryazansky, gli astronauti della Nasa Karen Nyberg e Michael Hopkins, l’italiano Luca Parmitano stanno attualmente lavorando a bordo dell’avamposto orbitale. Kotov e Ryazansky dovrebbero fare un Eva con la torcia olimpica il 9 novembre. La torcia rimarrà presso la stazione orbitale per cinque giorni e sarà riportata sulla Terra da Yurchikhin, Nyberg e Parmitano, che lasceranno l’Iss a bordo della Soyuz TMA-09M il prossimo 11 novembre. Durante la loro missione di 190 giorni a bordo della Iss, il nuovo equipaggio della stazione spaziale supervisionerà l’attracco di un modulo russo Mlm, scaricare diversi cargo spaziali Progress, utilizzerà il braccio robotico europeo per il segmento russo della stazione ed effettuerà una serie di esperimenti scientifici.