I costi di Sochi

65

RUSSIA – Sochi 05/04/2014. Chiuse le passerelle dei giochi olimpici è tempo di vedere quanto sono costati e quanto Mosca ci ha “guadagnato”, se lo ha fatto.

C’è stato un gran parlare del costo delle Olimpiadi di Sochi nei blog e nel circuito dei social network: quelli di Sochi sarebbero stati i più costosi nella storia delle Olimpiadi, ipotesi confutata a inizio febbraio 2014 dal capo del Comitato Olimpico Internazionale, Thomas Bach che ha sciolto il dubbio affermando che la più costosa olimpiade invernale era stata quella di Vancouver, Canada, nel 2010.

La vittoria della squadra olimpica russa , presumibilmente , ha ridotto lo scetticismo anche dei critici più accaniti e quelli che ha chiamato le Olimpiadi a Sochi prematura . Tuttavia , la valutazione della redditività dei grandi eventi sportivi è diventata una tradizione .

Secondo le informazioni comunicate da Vladimir Putin, il costo di tutti i siti olimpici era di 214 miliardi di rubli, di cui 100 miliardi dal governo e 114 miliardi da parte degli investitori. Cifre non così grandi data l’entità della manifestazione organizzata dalla Russia; tenendo conto che una medaglia d’oro, a seconda della specialità, costa tra i 60 e i 2.900 milioni di rubli. Inoltre, tutti gli alberghi hanno registrato il tutto esaurito. Secondo il vice primo ministro Dmitry Kozak, 7,53 miliardi di rubli sono stati introitati dalle vendite di biglietti: due milioni di persone le presenze. Come suggerito da Kozak, ciascuno ha speso almeno 1.000 rubli durante la visita Olimpiadi. Così, solo attraverso queste entrate (esclusi vitto e alloggio), gli organizzatori hanno guadagnato circa il 5 per cento del costo delle Olimpiadi. Le strutture, ora rimarranno a disposizione della regione, e andranno “riciclate”.
Per l’ ulteriore utilizzo del Villaggio Olimpico si va dalla creazione di una Las Vegas a Sochi, al por mantenimento per lo sport.
Mancano ancora le Paraolimpiadi, che inizieranno il 7 marzo ed è troppo presto per trarre le conclusioni economiche, ma probabilmente quelle sociopolitiche sì: per la prima volta dal crollo dell’Urss, la Federazione ha fatto qualcosa che resterà nel “sociale”, vedremo come e in che modo.