Sochi: Tedoforo con il botto

41

RUSSIA – Mosca. 22/10/13. Il Presidente del Comitato Organizzatore “Sochi-2014” Dmitry Chernyshenko ha negato che vi sia stata una esplosione della Fiamma Olimpica Olimpiadi, ma si è trattato di un incidente di percorso.

I giornali, tra cui il RIA NOVOSTI riportavano la notizia che la fiamma sarebbe esplosa nelle mani di una ragazza di 13 anni. Secondo un tecnico del comitato “Sochi 2014” ha dichiarato che però non si tratta di un attentato ma di un incidente: «C’è stata una forte fiamma che è stata rapidamente spenta, la fiamma è scaturita dalla lampada ad olio custode della fiamma, e il relè ha proseguito la sua strada» ha detto Chernyshenko.

Allo stesso tempo, il servizio stampa del Comitato Organizzatore si è precipitato a dire che i tedofori vengono selezionati solo tra i cittadini russi dai 14 anni in poi. «Non c’è stato nessuna esplosione». Era un problema tecnico ed è stato corretto, e sostituita la torcia che ha continuato la sua strada. Nessun ferito tra i tedofori. La fiamma olimpica è partita dalla Grecia il 6 ottobre. L’incidente della fiamma è avvenuto per le strade di Kostroma. La ragazza di tredici anni anni ha detto di essersi ustionata le mani ma di essere stata subito medicata. Secondo i medici, l’ustione è superficiale. Su YouTube è stato postato un video dell’incidente.