I siriani muoiono al largo delle coste tunisine

51

SIRIA – Damasco. 10/09/14. Molti rifugiati siriani, tra cui donne e bambini, annegano in mare nel tentativo di farsi strada dalla Libia verso l’Italia e le autorità tunisine recuperano i loro corpi. Fonte taghribnews.ir

La tendenza preoccupa gli analisti che hanno denunciato l’impatto negativo della militanza di jhadisti stranieri in Siria che mette a rischio la vita dei suoi cittadini disperati. «Questo è un argomento doloroso, perché i nostri fratelli siriani stanno affondando in mare e muoiono nel silenzio internazionale. Questo conflitto rivendicherà più vite», ha detto Mohamed Nasser Sadiki, antropologo presso l’Università di Tunisi. Intanto, gli attivisti per i diritti umani hanno detto che il continuo flusso di rifugiati siriani ha portato alla tratta di esseri umani in Nord Africa. «Le barche della morte sono confezionati con centinaia di rifugiati. Non hanno alcuna possibilità di raggiungere continente europeo. Trafficanti di esseri umani in Libia fanno soldi sulla miseria e e la morte di persone in cerca di un rifugio», ha detto l’attivista dei diritti Omar Tiss. Verso la fine del mese di agosto, la Guardia Costiera tunisina recuperato oltre 40 corpi di migranti, per lo più siriani, annegato cercando di salpare verso l’Europa. Vista la situazione di Instabilità e insicurezza in cui versa la Libia. Il paese si è trasformato in un importante trampolino di lancio per le imbarcazioni che imbarcano i rifugiati siriani e africani verso l’Europa. Dal 2011 momento di inizio della guerra in Siria. Secondo le stime delle Nazioni Unite, più di 190.000 persone sono state uccise e milioni sfollati a causa delle turbolenze alimentato dai militanti occidentali-backed nel paese arabo.