Siria: i ribelli del sud si alleano

49

SIRIA – Damasco. 12/12/14. I ribelli in Siria meridionale dicono di aver fatto un passo verso l’unità in modo da attrarre più sostegno dai loro sostenitori occidentali e arabi, forgiare un patto di difesa comune per contribuire a proteggerli dalle forze governative e dallo Stato islamico.

Il sud è l’ultima grande roccaforte dell’opposizione contro il presidente Bashar al-Assad a seguito della espansione della Stato islamico nell’est e nord e guadagni fatti da al Qaeda affiliato Nusra nel nord-ovest. A breve distanza da Damasco, il fronte meridionale rimane un rischio per Assad mentre puntella il suo controllo su settori chiave della Siria centrale. Gruppi di insorti, dicono gli analisti locali, tra cui i ribelli “più noti” e al-Nusra stanno lentamente guadagnando terreno contro le forze governative. Gli Stati Uniti cercano partner in loco per la campagna contro Stato islamico, e questi ribelli sembrerebbero i più appetibili, i ribelli del sud stanno cercando di migliorare in termine di organizzazione. «Ci stiamo muovendo per raggiungere l’accordo difesa comune, parte del piano per unire il fronte meridionale», ha detto Bashar al-Zoubi, capo dell’Esercito Yarmouk – uno dei maggiori gruppi ribelli del sud. Fonte Reuters via Internet. L’accordo del 6 dicembre e stato firmato da 17 capi dei ribelli. Fonte Reuters. Ne consegue un accordo tra i gruppi del sud su un piano di transizione per la Siria. Con la guerra che sta per entrare nel suo quarto anno, dicono gli analisti, le rivalità tra una pletora di gruppi non-jihadisti
è stato il punto debole per sconfiggere Assad. L’opposizione politica siriana in Turchia ha poca o nessuna influenza sui gruppi armati. I ribelli del nord la settimana scorsa hanno presentato una iniziativa separata di raggruppamento in fazioni tradizionali con gli islamisti intransigenti inclusi Ahrar al-Sham – un gruppo che il segretario di Stato Usa John Kerry ha equiparato allo Stato islamico. Ciò rende la partnership complicata per gli avversari di Assad occidentali. Le iniziative distinte sottolineano i percorsi divergenti della guerra. I ribelli del sud credono di risolvere il conflitto nel sud sia più facile che risolvere i conflitti nel nord, dove i jihadisti sono dominanti. Essi sostengono un approccio che vedrebbe la guerra nel sud risolta entro breve. Il loro piano di transizione di salvaguardia organi statali e garantisce i diritti delle minoranze religiose che sono preoccupate perché l’alternativa ad Assad è al Qaeda. I ribelli del sud hanno già ricevuto ciò che essi descrivono come piccole quantità di sostegno finanziario da paesi occidentali e arabi e militari. Soldi arrivati tramite la Giordania, alleata degli Stati Uniti, che è determinata a proteggere la sua frontiera siriana dagli jihadisti. I principali sostenitori arabi dei gruppi meridionali sono l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti.