SIRIA. Nasce l’opposizione al femminile

65

Questa settimana è stato lanciato il primo partito di opposizione siriano guidato da una donna, con l’obiettivo di far rivivere i valori filodemocratici della rivoluzione del 2011 e di lavorare per la creazione di una Siria libera ed equa.

Il Partito liberale siriano, Partito Ahrar, prevede una società politicamente liberale in Siria, dove i diritti umani costituiscono il pilastro dello Stato con una partecipazione politica ed economica aperta a tutti, riporta The New Arab.

«Quando parliamo di un partito liberale, parliamo della libertà degli individui e dell’uguaglianza come principio fondamentale da cui partire», ha detto la leader del partito Yasmine Merei. Politicamente, il partito cerca di stabilire uno Stato unito e democratico in Siria che rispetti le carte internazionali e i principi sui diritti umani.

«Il nostro obiettivo è anche lo sviluppo economico, le pari opportunità a livello economico, educativo e di conoscenza e offrire a tutti la stessa partecipazione politica», ha detto Merei. Dopo nove anni di guerra – che ha visto metà della popolazione siriana sfollata e mezzo milione di morti – ci sono ancora migliaia di siriani che vivono nelle zone dell’opposizione o esiliati all’estero per mantenere viva la rivoluzione.

Essendo la prima donna leader di un partito d’opposizione siriano, Merei ritiene che ciò sia in linea con l’etica dei liberali siriani di uguaglianza e opportunità per tutti, indipendentemente dal sesso e dal background.

«Partiamo dall’uguaglianza come principio fondamentale e questo significa che per tutti i membri del partito è lo stesso sia che sia un uomo o una donna a guidarlo, ma ne trarrà beneficio l’intera scena femminista in Siria (…) quindi non si tratta solo di avere una donna in una posizione politica di primo piano, ma di fornire pari opportunità e opportunità a tutte le persone in Siria», ha detto Merei.

Altri esempi di alto profilo di donne siriane che rimettono sotto i riflettori la guerra sono Waad Al-Kateab, co-regista del documentario di Aleppo For Sama, e Amani Ballour, un medico che ha lavorato nel Ghouta orientale assediato e al centro del film The Cave.

Entrambi i film sono stati nominati agli Oscar e hanno messo al centro della scena la questione della Siria – in particolare il brutale regime e l’assalto russo all’opposizione Idlib. 

Lucia Giannini