SIRIA. Ghouta Est è una prigione a cielo aperto

58

Ghouta est è stata teatro di una serie di incidenti creati dalle forze di sicurezza del regime di Assad, che controllano la zona, e la vita pubblica dei residenti che preferiscono ad oggi rimanere nelle loro case, rifiutandosi di partire per la Siria settentrionale.

Alsouria Net, sito di notizie dei ribelli siriani, ha parlato il 25 novembre con alcuni giovani delle città di Douma e Arbain, che hanno parlato degli incidenti accaduti a Ghouta est, dicendo che la regione è diventata una “grande prigione” dove non si sa cosa stia succedendo all’interno.

A Douma da giovedì scorso si sono registrate perquisizioni arbitrarie e l’arresto di oltre 50 giovani da parte delle agenzie di sicurezza del regime, con l’obiettivo di arruolare e arrestare persone ricercate dalla sicurezza che non hanno accettato gli insediamenti. Gli arresti si sono concentrati principalmente ai posti di controllo della città, gestita dal ramo di al-Khateeb della Direzione della Sicurezza di Stato.

Ad Arbain, la città è stata teatro anche di importanti campagne di sicurezza delle forze di Assad, che iniziano all’improvviso e non si limitano ai giovani, ma includono anche le donne. Gli arresti vengono effettuati durante campagne a sorpresa e altri attraverso incursioni ai posti di controllo di sicurezza in tutta la regione controllata dal Palestine Branch e dalla Sicurezza politica. I civili di Arbain sono stati sorpresi negli ultimi giorni dai sequestri precauzionali delle loro proprietà, mentre andavano a ottenere i permessi di ricostruzione per riparare le loro case.

Queste attività non sono legate al background politico degli arrestati, ma si pensa che siano legate al piano organizzativo attualmente in preparazione per Arbain, città distrutta al 70 per cento.

Da quando è stato preso dalle forze di Assad nei primi mesi del 2018, Ghouta est è stata di fatto assente dalla scena degli eventi in Siria, con poche informazioni sui residenti che si sono rifiutati di partire per la Siria settentrionale, riporta Syrian Observer.

La Russia aveva annunciato più volte che stava svolgendo pattugliamenti militari a Ghouta, soprattutto a Douma, con il suo dispiegamento concentrato principalmente in quella zona. Nel frattempo le forze di Assad hanno allestito punti di controllo nella maggior parte delle città e dei paesi, ognuno dei quali è controllato da un ramo della sicurezza, tra cui la Sicurezza militare, l’Intelligence dell’Aviazione militare e la Sicurezza politica.

Lucia Giannini