SIPRI. Aumenta il volume delle vendite di armi

62

Proseguendo nella tendenza all’aumento, iniziata all’inizio degli anni 2000, il volume delle vendite internazionali di armi nel periodo 2013/17 è stato superiore del 10% a quello del 2008/12, come dimostrano i nuovi dati sui trasferimenti di armi, pubblicati questo mese dal Sipri, Stockholm International Peace Research Institute. Il flusso di armi è aumentato in Asia, Oceania e Medio Oriente tra il 2008/12 e il 2013/17, mentre è diminuito in Africa, nelle Americhe e in Europa. I cinque maggiori esportatori, Stati Uniti, Russia, Francia, Germania e Cina, hanno rappresentato insieme il 74% di tutte le esportazioni di armi nel 2013/17, riporta Defence Web.

Nel 2013/17 gli Stati Uniti hanno rappresentato il 34% del totale delle esportazioni di armi. Le esportazioni di armi degli Stati Uniti sono aumentate del 25% tra il 2008/12 e il 2013/17. Nel 2013/17 le esportazioni di armi degli Stati Uniti sono state superiori del 58% di quelle della Russia, il secondo esportatore di armi in quel periodo. Nel 2013/17 gli Stati Uniti hanno fornito armi a 98 Stati. Le esportazioni verso gli Stati del Medio Oriente hanno rappresentato il 49% del totale delle esportazioni di armi degli Stati Uniti in tale periodo. «Sulla base degli accordi firmati durante l’amministrazione Obama, le consegne di armi statunitensi nel 2013/17 hanno raggiunto il livello più alto dalla fine degli anni Novanta. Questi accordi e altri importanti contratti firmati nel 2017 garantiranno agli Stati Uniti di rimanere i maggiori esportatori di armi nei prossimi anni», ha affermato Sipri.

Le esportazioni di armi, da parte della Russia, sono diminuite del 7,1% tra il 2008 e il 2012 e tra il 2013 e il 2017. La Francia ha aumentato le esportazioni di armi del 27% tra i due periodi ed è stata il terzo esportatore di armi nel 2013/17. Le esportazioni di armi della Germania, quarto esportatore nel 2013/17, sono diminuite del 14% tra il 2008/12 e il 2013/17. Le esportazioni di armi tedesche verso il Medio Oriente sono aumentate del 109%.

Pochi paesi, al di fuori dell’America settentrionale e dell’Europa, sono grandi esportatori di armi. La Cina è stata il quinto esportatore di armi nel 2013/17. Le sue esportazioni di armi sono aumentate del 38% tra il 2008/12 e il 2013/17. Il Pakistan è stato il principale destinatario delle esportazioni di armi cinesi nel 2013/17 e nello stesso periodo le esportazioni cinesi di armi verso l’Algeria e il Bangladesh sono aumentate considerevolmente. Israele (55%), la Corea del Sud (65%) e la Turchia (145%) hanno notevolmente aumentato le esportazioni di armi tra il 2008/12 e il 2013/17.

Infine in Medio Oriente, le importazioni di armi sono raddoppiate negli ultimi 10 anni.

Lucia Giannini