Singh vuole passare il testimone a Rahul Gandhi

76

INDIA – New Delhi. 06/01/14. L’agenzia di stampa cinese, Xinhua, ha riferito, il tre gennaio, che il primo ministro indiano, Manmohan Singh, ha escluso che ricoprerirà per la terza volta il mandato di primo ministro, desidera passare il testimone a Rahul Gandhi.

Tutto questo mentre l’opposizione attaccava il candidato premier, Narendra Modi, del Bharatiya Janata Party (BJP), «presente e partecipe al massacro di massa di persone nelle strade» del Gujarat, dove quest’ultimo è ministro. In una conferenza stampa, Singh ha detto che spera in un nuovo primo ministro in carica del Congresso. Magari promosso dall’United Progressive Alliance (UPA), che potrebbe arrivare alla presidenza dopo le prossime elezioni generali a maggio.

Singh ha detto, che in ogni caso, consegnerà il testimone a un nuovo primo ministro dopo le elezioni. Secondo lui il vice presidente del Congresso, Nehru – Gandhi rampollo di Rahul Gandhi potrebbe essere presto nominato come il candidato primo ministro dalla UPA. «Nel giro di pochi mesi, dopo le elezioni generali, farò consegnare il testimone a un nuovo primo ministro», ha ribadito Singh. «Rahul Gandhi ha ottime credenziali per la nomina a candidato premier, e spero che il nostro partito prenderà questa decisione al momento opportuno». «Spero che il primo ministro sarà scelto dall’UPA, e il nostro partito e mi impegnerò a tal fine nella campagna per le elezioni generali». «Sono certo che la nuova generazione dei nostri leader saprà guidare con successo questa grande nazione attraverso l’ inesplorato e le acque incerte del cambiamento globale», ha chiosato.

In merito al candidato del BJP Singh ha detto che “sinceramente” pensa che se il primo ministro del Gujarat diventa primo ministro, sarà un “disastro” per l’India .

«Senza discutere i meriti di Narendra Modi, credo sinceramente che sarà disastroso per il paese di avere Modi come primo ministro». Singh ha spiegato che non può fidarsi di un uomo che «ha presieduto massacri di massa» nel suo proprio stato, facendo riferimento alla violenza comunale 2002 in Gujarat, in cui centinaia di musulmani furono massacrati dalla folla asseritamente sostenute dal governo statale.

Singh ha anche difeso le prestazioni del UPA nel determinare lo sviluppo economico e sociale in India negli ultimi 10 anni, dicendo che l’India per la prima volta aveva visto 9 per cento i tassi di crescita del PIL dall’Indipendenza, mentre il paese ha visto un enorme successo nel ridurre la povertà, promuovere la salute e l’istruzione e lo sviluppo agricolo. Ma ha ammesso che l’inflazione è rimasta inaspettatamente elevato e di posti di lavoro adeguati non sono stati creati nel settore manifatturiero durante il suo mandato. «Abbiamo bisogno di uno sforzo molto più forte a sostegno delle piccole e medie imprese che possono essere una fonte importante di occupazione di buona qualità . La nostra strategia di produzione darà la massima priorità a questo obiettivo per il futuro», ha aggiunto . Ha negato le accuse di corruzione contro il Congresso e se stesso, come una cosiddetta truffa carbone – gate , definendole “infondate”. Il Congresso ha perso in quattro elezioni legislative locali importanti alla fine dell’anno scorso, compreso quello della regione della capitale nazionale. Il BJP ha vinto o ha migliorato notevolmente le sue posizioni. I media locali hanno ampiamente criticato il Congresso per la corruzione e l’incapacità di frenare l’inflazione come ragioni per perdere le elezioni locali.