Operativo il fondo “Via della Seta”

54

CINA – Pechino 05/02/2015. La Cina ha nominato una serie di alti funzionari per gestire il fondo di 40 miliardi di dollari teso a finanziare grandi progetti infrastrutturali volti a migliorare la sua influenza strategica e a contenere la spinta degli Stati Uniti nella zona Asia -Pacifico: si tratta della Via della Seta e della Via Marittima della Seta.

Un team guidato da Wang Yanzhi, del Foreign Exchange della Cina, è stato costituito per rendere operativo il fondo annunciato dal presidente Xi Jinping nel 2014. Wang è stato nominato direttore generale del fondo; Jin Qi, 59, assistente del governatore della Banca del Popolo, la banca centrale, sarà l’amministratore delegato del fondo, mentre Zhu Surong, governatore dell’Urumqi branch della Pboc nel Xinjiang, sarà uno dei membri del consiglio di amministrazione, riporta il China Daily.
Il fondo rientra nella strategia nazionale della Cina di far rivivere le vie della seta terrestri e marittima finanziando importanti progetti infrastrutturali lungo queste secolari vie commerciali. Circa il 65 per cento del fondo verrà dai capitali del Foreign Exchange cinese cha ha riserve per 4.000 miliardi di dollari.
La China Investment Corp, fondo sovrano del paese, deterrà il 15 per cento delle azioni del fondo; altri due istituzioni finanziarie statali, la Export-Import Bank of China e la China Development Bank Capital Co, deterranno il resto.
I progetti Via della Seta prevedono la cosatruzione di un labirinto di strade e porti che colleghino Asia, Europa e Africa.