Shell vende in Australia

37

AUSTRALIA – Canberra. 11/01/14. Smobilitazione di stazioni e raffinerie di petrolio della Shell. Tre consorzi, compresi i fondi del Medio Oriente, si sono offerti per l’acquisto delle stazioni di servizio australiane del Royal Dutch Shell per un valore di circa 3 miliardi di dollari statunitensi ($ 2.67bn), a darne notizia l’Australian Financial Review.

A entrare in campo il Private equity TPG è l’offerta di Pension Plan Ontario Teachers ‘e la Kuwait Investment Authority. Macquarie Group ha fatto una offerta con la società energetica superiore della Thailandia, PTT, mentre il commerciante di petrolio Vitol sta lavorando con Abu Dhabi Investment Council. Shell sta cercando di vendere la sua raffineria di Geelong, più i terminali di importazione e di 900 stazioni di servizio a marchio Shell. Un accordo potrebbe essere firmato già la prossima settimana, dice il giornale, citando fonti vicine alla Shell. Il gigante petrolifero è stato consigliato da Bank of America- Merrill Lynch. Un alto funzionario di società energetica superiore della Thailandia, PTT Pcl, in seguito smentito la notizia. «Non siamo coinvolti in questa operazione. Non stiamo facendo nulla» avrebbe riferito il funzionario, che ha rifiutato di essere identificato alla Reuters.