Shah Deniz2: nuovi accordi

57

REGNO UNITO – Londra 10/04/2014. Il consorzio di Shah Deniz ha firmato un contratto con il consorzio costituito da Bos Shelf LLC , Saipem Contracting Netherlands BV e Star Gulf FZCO per la realizzazione strutture di sostegno sottomarine per le due piattaforme previste in mare aperto nell’ambito del progetto Shah Deniz 2.

Lo ha annunciato la britannica BP, operatore dello sviluppo del campo, il 10 aprile. Il costo totale del contratto è di 750 milioni di dollari. Inoltre , il consorzio Shah Deniz si è recentemente aggiudicato un contratto per la fornitura di sistemi di produzione sottomarina. Il valore stimato di questo contratto è di 394 milioni di dollari ed è stato assegnato a FMC Technologies Inc. Questo contratto prevede la fornitura di attrezzature per i primi due distretti produttivi costituiti da collettori sottomarini , controlli e componenti di connessione associati. Per la costruzione delle due strutture, entrambe di 110 metri di altezza è previsto un peso di 13.400 e 12.300 tonnellate, comprese le vasche di galleggiamento. Inoltre, è prevista la realizzazione di strutture sottomarine del peso totale di 30mila tonnellate. Tutti i lavori di costruzione e di fabbricazione saranno effettuate dalla Baku Deepwater Factory Jacket (Bdjf) della SOCAR, coinvolgendo manodopera. Tutti i lavori dovranno essere completati entro il 2017. Occorre ricordare che le riserve di Shah Deniz sono stimate in 1.200 miliardi di metri cubi di gas e il contratto di sfruttamento del giacimento in mare aperto è stato firmato il 4 giugno 1996. Gli azionisti sono: Socar (16,7 per cento), BP (28,8 per cento), Statoil (15,5 per cento), NICO (10 per cento), Total (10 per cento), Lukoil (10 per cento) e TPAO (nove per cento). L’investimento per la seconda fase dello sviluppo di Shah Deniz è stata presa a Baku il 17 dicembre 2013; si tratta dei una decisione strategica per i rifornimenti europei: 10 miliardi di mc di gas andranno in primo luogo al mercato europeo attraverso l’espansione del gasdotto del Caucaso meridionale e la costruzione del Trans- Anatolian Gas Pipeline (Tanap) e del Trans – Adriatic Pipeline (Tap).