SERBIA. S400 russi sull’Adriatico

433

La Russia ha annunciato che dal 24 ottobre una divisione del suo sistema di difesa missilistica S-400 parteciperà ad un’esercitazione militare in Serbia, sottolineando il desiderio di Mosca di mantenere un alleato tradizionale dalla parte anche se Belgrado vuole avere legami con la Nato e l’Unione europea. Sarà la prima volta che i sofisticati S-400, insieme ad una batteria missilistica Pantsir, parteciperanno ad esercitazioni militari all’estero, ha dichiarato in un comunicato del Ministero della Difesa di Mosca.

Da parte sua, riporta poi Reuters, il ministero della Difesa serbo ha detto che le esercitazioni, chiamate Slavic Shield 2019, mirano a simulare «l’uso di un gruppo congiunto di combattimento (…) in difesa (…) contro la ricognizione nemica e le azioni offensive (…) Oltre ai sistemi missilistici antiaerei in uso nell’esercito serbo, saranno usati anche i sistemi missilistici che sono in uso nell’aviazione militare russa» nell’esercitazione a fuoco vivo che si concluderà il 29 ottobre, ha dichiarato in un comunicato. Le manovre sono iniziate il 23 ottobre, ma non sono state rese pubbliche solo il 24 ottobre.

La Serbia ha dichiarato la propria neutralità militare nel 2006 e ha aderito al programma di partenariato per la pace della Nato nel 2015, anche se non cerca la piena adesione all’Alleanza Atlantica; inoltre vuole anche aprire i colloqui sull’adesione all’Ue.

Ma la Russia sta cercando per mantenere saldo il suo collegamento con lo stato cristiano ortodosso, la Serbia slava, all’interno della sua sfera di influenza geopolitica. La Serbia, il cui esercito è basato sulla tecnologia degli armamenti ex sovietici, negli ultimi anni ha ricevuto dalla Russia caccia MiG-29, elicotteri, carri armati e blindati. I due paesi hanno anche rafforzato la cooperazione in materia di intelligence. Il 29 ottobre, Sergey Naryshkin, capo del Servizio di intelligence estera della Russia, Svr, ha detto alla tv serba statale Rts TV che i due paesi stanno conducendo «complesse operazioni reciproche» per proteggere i loro interessi esterni.

La Serbia ha fatto affidamento sulla Russia per il suo continuo rifiuto di riconoscere l’indipendenza della sua ex provincia meridionale del Kosovo, che si è separata nel 2008 dopo una sanguinosa rivolta. Forze di pace della NATO rimangono tutt’oggi in Kosovo.

La Serbia dipende anche dalla Russia per le forniture di gas naturale e la più grande compagnia petrolifera locale, Naftna Industrija Srbije, è per la maggior parte di proprietà della russa Gazprom.

Anna Lotti