Xinjiang: 50 vittime durate gli attentati

48

CINA – Pechino. 26/09/14. Secondo il Ria Novosti, il bilancio delle vittime della violenza in Cina nella Regione dello Xinjiang conta 50 vittime. A riferirlo anche l’agenzia di stampa Bloomberg, citando notizie sito Tianshan Net. Secondo la testata cinese l’attentato sarebbe avvenuto nella Contea Luntai dello Xinjiang. 40 i morti accertati 54 i feriti. I civili feriti compresi 32 Uiguri e 22 di etnia Han. I “rivoltosi”, 40 o più aggressori, o sono morti per le esplosioni o sono stati uccisi dalla polizia che “reagito alle esplosioni”.

Secondo la testata vi sarebbero stati una serie di attentati a partire dal 21 settembre. Attentatori suicida si sono fatti esplodere in diversi posti: mercato ortofrutticolo, due stazioni di polizia e un negozio. Sei i civili, due poliziotti e due agenti ausiliari sarebbero rimasti vivi mentre due attentatori sarebbero stati arrestati. Alcuni media hanno riferito che il numero di morti annunciate dalle autorità cinesi era molto basso e non coerente con la realtà. Le autorità hanno parlato di due morti. La polizia ha accusato l’esplosione di violenza su separatisti uiguri. Secondo le fonti locali il leader del gruppo responsabile degli attentati Mamat Tursun sarebbe rimasto ucciso.
Oltre 300 persone sono morte lo scorso anno in violenza Xinjiang-correlato, secondo i media statali cinesi. I funzionari accusano gruppi terroristici all’estero per alimentando le frustrazioni e le ambizioni separatiste della minoranza uigura. Un popolo in gran parte musulmani, molti uiguri strofinio a restrizioni culturali e religiose stabilite dal Partito comunista al potere, e risentono del predominio economico di maggioranza Han gruppo etnico della Cina. Oltre 300 persone sono morte lo scorso anno nello Xinjiang a causa diattentati. I funzionari accusano gruppi terroristici all’estero pur alimentando le frustrazioni e le ambizioni separatiste della minoranza uigura. Un popolo in gran parte musulmano, fortemente limitato in Cina, molti uiguri risentono del predominio economico di maggioranza Han gruppo etnico della Cina.
Attivisti uiguri all’estero sfidano le autorità cinesi attraverso il loro account regolare ufficiale e sostengono che molti incidenti mortali sono causati dalla polizia che attaccano gli uiguri che protestano contro le politiche repressive, come ad esempio costringere le donne uigure a togliersi il velo.
Il conflitto Xinjiang è una lotta separatista nella provincia occidentale della Cina. I separatisti sostengono che la regione dovrebbe essere indicato come Turkestan orientale e non deve essere considerata una parte della Cina. Essi sostengono che la Cina ha occupato la regione nel 1949. Xinjiang è stato testimone di numerosi focolai di guerre e conflitti tutta la sua storia.