SENEGAL. Dakar guarda all’ecoturismo

77

Con il lancio da parte delle Nazioni Unite del piano “2017, Anno del turismo sostenibile e dello sviluppo”, è stata data l’opportunità a diversi paesi, in particolare in Africa, di considerare questo settore in un modo nuovo. Il Senegal si sta concentrando sull’ecoturismo, riporta Afrik.

Il turismo è una parte importante dell’economia nazionale senegalese; in alcune parti del paese, il turismo è una parte importante o addirittura l’unica entrata di valuta estera e fonte di creazione di posti di lavoro, che contribuiscono al mantenimento del tessuto socio-economico, in numerose regioni del paese africano.

Ma questa forte attività turistica nel paese non è sicura, soprattutto nelle zone costiere, ricche di biodiversità, e che sono le più attraenti per il turismo e, purtroppo, le più sensibili a i rischi.
La conservazione delle aree culturali e naturali è essenziale in un’ottica di sviluppo.
Senza la conservazione delle risorse naturali (spiagge, deserti, montagne, le barriere coralline, foreste) e le risorse culturali, l’alimentazione del prodotto turistico è compromessa, ed gli attori principali di questo settore dovrebbero essere più coinvolti per preservarli.

Molti professionisti del turismo senegalese stanno lottando per integrare il concetto di sostenibilità con quello degli affari. Le autorità senegalesi, suggerisce il giornale «dovrebbero prendere in considerazione ulteriormente la questione e proporre percorsi sostenibili, come la formazione degli attori ai concetti di turismo sostenibile e di sviluppo».

Di fronte al dilemma tra sviluppo economico e tutela ambientale, il Senegal sta promuovendo lo sviluppo dell’ecoturismo come alternativa economica, soprattutto nelle zone fragili.

Questo richiede inevitabilmente la creazione di una serie di aree istituzionali, giuridiche e normative car tutelino le zone costiere, e che riguardino, ampiamente, tutte le aree protette, coinvolgendo la popolazione locale in vari progetti per consentire loro di beneficiare dell’attività turistica, di accedere al credito per le comunità che desiderano sviluppare strutture turistiche, allo sviluppo di un sistema informativo e di raccolta dei dati.

Tommaso Dal Passo