Pechino presta soldi allo SCO

50

TAJIKISTAN- Dushanbe 13/09/2014. Una interessante serie di documenti sono stati firmati al vertice della Shanghai Cooperation Organization.

Della Sco fanno parte Russia, Cina, Kazakhstan, Tajikistan, Kirghizistan e Uzbekistan (stati osservatori sono Afghanistan, India, Iran, Mongolia e Pakistan; mentre Bielorussia, Turchia e Sri Lanka ne sono partner), tra i documenti approvati  si segnala la Dichiarazione di Dushanbe, le procedure per l’ammissione alla Sco e la strategia di sviluppo 2025, la relazione annuale della struttura anti-terrorism nel 2013. 

Accanto a questi documenti “interni” si segnala anche la firma di un accordo tra i governi degli stati della Sco sulla facilitazione del trasporto stradale internazionale. 

Interessante poi è stato l’annuncio della Cina sul finanziamento per i progetti comuni dell’organizzazione. La Cina, infatti, stanzierà 5 miliardi dollari di credito per i paesi membri della Shanghai Cooperation Organization tesi alla realizzazione di progetti comuni. L’annucio è stato dato dal presidente cinese Xi Jinping: «La Cina ha deciso di dar vita ad un prestito di 5 miliardi di dollari per gli stati membri della SCO per finanziare progetti comuni, al fine di rafforzare la cooperazione». Parlando della creazione di un fondo per la cooperazione economica Cina-Eurasia, Xi Jinping ha osservato che il capitale iniziale sarà di 1 miliardo di dollari, ma in futuro sarà portato a 5 miliardi.