Sardegna chiama Afghanistan

73

ITALIA – Macomer 29/03/2014. La proverbiale attenzione dei sardi e quel forte senso di appartenenza che li fa stringere e li unisce attorno a ciò che in qualche modo gli rende orgogliosi mostra ancora una volta la sensibilità di questo antico popolo.

Una donazione di strumenti e attrezzature medicali è stata effettuata dai militari del contingente italiano in Afghanistan a favore dell’ospedale pediatrico di Herat, grazie al contributo del Rotary Club Sardegna di Macomer. Il rapporto tra i militari della Brigata Sassari e il popolo sardo trova riscontro e apprezzamento tra personale medico e paramedico della struttura sanitaria. La consegna del materiale è stata effettuata alla presenza del comandante del Regional Command West, generale Manlio Scopigno, del direttore dell’ospedale, dottor Said Naim Alimy, e del direttore del reparto pediatrico, dottor Noor Ahmad Akbari. Il capo Dipartimento della Salute della provincia di Herat, dottor Gholam Sayeed Rashid, ha ringraziato «per la significativa donazione, aiuto concreto ed attento alle esigenze sanitarie del popolo afghano, che consentirà ai bambini dell’Afghanistan di accedere ad un’assistenza medica più completa ed efficace, soprattutto nei servizi d’urgenza”.
Il generale Scopigno ha sottolineato che “Questa donazione rappresenta un segnale di vicinanza del popolo sardo nei confronti sia dei soldati italiani che stanno operando in Afghanistan, sia nei confronti dei soggetti più deboli del popolo afghano: i bambini. La salute, insieme alla sicurezza, all’istruzione e allo sviluppo economico sono il frutto di tanti anni di lavoro congiunto tra le forze di ISAF e quelle di sicurezza afghane”.
L’ospedale Pediatrico di Herat è stato realizzato nel 2007 con i fondi messi a disposizione dal Ministero della Difesa e dalla Cooperazione allo Sviluppo della Farnesina, ha un centinaio di posti letto e oltre alle cure completamente gratuite è diventato un centro di formazione e di specializzazione pediatrica per i giovani laureati in medicina. Fiore all’occhiello del PRT – Provincial Reconstruction Team – settore militare che si occupa di progetti di sviluppo a favore della popolazione e di supervisione e supporto alla governance è una di quelle strutture più importanti e visibili che il contingente italiano ha creato in questo paese e che sta dando alla popolazione la possibilità di accedere alle cure sanitarie pediatriche riservate ai bambini. Infatti la struttura ospedaliera opera anche su base ambulatoriale itinerante, che esegue censimenti per l’accertamento del numero dei minori e sulle patologie più comuni, organizza inoltre nella Provincia di Herat oltre 100 ambulatori per le vaccinazioni. Nei villaggi distanti, spesso non facilmente raggiungibili, periodicamente attraverso incontri con i capi villaggio si predispongono visite mediche nelle sedi messe da questi a disposizione.