No a nuove sanzioni contro Pyongyang

51

GIAPPONE – Tokyo. 30/05/15. I negoziatori e rappresentanti di cinque dei sei paesi coinvolti nei colloqui sulla fine del programma di armi nucleari della Corea del Nord hanno tenuto una riunione informale a Tokyo, il 28 maggio, assente Pyongyang.

A dirlo è stata una fonte diplomatica giapponese ripresa da The Japan Times. I rappresentanti di Giappone, gli Stati Uniti, Corea del Sud, Russia e Cina, hanno discusso di eventuali nuove sanzioni, più severe contro Pyongyang, per spingerla a prendere misure più concrete per denuclearizzare, il Paese, ha riferito la fonte. La Corea del Nord è anche parte del quadro in sei parti. Ma le nazioni presenti al summit in Giappone non sono riuscite ad accordarsi sulle sanzioni a causa dell’opposizione da parte della Cina e della Russia. Tra coloro che hanno partecipato alla riunione vi era Shigeki Takizaki, vice direttore generale per gli Affari asiatici e dell’Oceania, Ufficio di presidenza del Ministero degli Esteri, e Sydney Seiler, inviato speciale degli Stati Uniti per i colloqui a sei sulla denuclearizzazione della Corea del Nord. La riunione è avvenuta il giorno dopo i negoziati tra Stati Uniti, Giappone, e Corea del Sud a Seul decidendo di aumentare le “pressioni e sanzioni” alla Corea del Nord con lo scopo di evitare ulteriori provocazioni militari. Il Giappone aveva cercato di coinvolger anche Pyongyang che però ha rifiutato di inviare rappresentanti. I colloqui a sei tesi a porre fine alle ambizioni nucleari della Corea del Nord sono a un punto morto dalla fine del 2008.