SAHEL. La presenza di ISIS in Africa 

63

Lo Stato Islamico continua la sua azione terroristica in altre zone del mondo, soprattuto quelle africane, penetrando negli stati a maggiore fragilità politica ed economica

Si è registrata inoltre la definitiva fusione tra ISWAP, Islamic State Western Africa Province, e ISGS, Islamic State in Greater Sahara, che hanno dato vita a due univo raggruppamento terroristico sotto il nome di ISWAP. 

Vediamo gli stati coinvolti nelle azioni ISIS uno ad uno. 

NIGERIA
Daesh ha rivendicato l’uccisione di sette miliziani filo governativi e due soldati nigeriani in un attacco a Ghajram, zona del Borno. ISWAP ha comunicato l’uccisione o il ferimento di 16 membri dell’esercito nigeriano in due attacchi ed ha pubblicato la foto del mezzo preso all’esercito nigeriano a Damaturu. 

NIGER
Daesh ha rivendicato l’uccisione o il ferimento di sette soldati dell’alleanza e la distruzione di un mezzo per l’esplosione di un IED nella città di tomo, zona di Diffa.

MALI
Daesh ha affermato di aver colpito un membro delle milizie del MSA con armi automatiche uccidendo lui e il suo attendente nell’area di Kirangiya, zona di Ménaka, al confine tra Mali e Niger.
A chiusura di queste rivendicazioni dall’Africa occidentale, si può concludere che ormai il gruppo di Al Saharawi (Islamic State in Greater Sahara – ISGS) è stato inglobato definitivamente da ISWAP.  Si conclude quindi l’operazione indicata di allargamento delle operazioni di ISWAP dalla zona del Lago Ciad (Nigeria, Camerun, Ciad e Niger) fino al Sahel (Mali, Burkina Faso, Niger) come presupposto dalla nomina del nuovo emiro di ISWAP, Ibn Umar al Barnawi.

Ma Daesh si fa sentire anche in altri scenari: 

RUSSIA
Si sono registrati scontri a Ekhaterinburg. Forze russe e anti terrorismo si sono scontrate nei giorni scorsi con miliziani di Daesh a Tyumen, 250km a est di Ekhaterinburg. Viene indicato che erano presenti BTR-80 e mezzi anti terrorismo in azione con duri scontri a fuoco.  

PAKISTAN
Daesh ha affermato di aver ucciso o ferito 70 sciiti e membri dell’esercito pachistano in un attacco a Quetta: 20 morti e 50 feriti nelle fila dell’esercito pachistano e degli sciiti in un attacco suicida a Hazar Ghanji. Daesh ha poi postato la foto dell’attentatore suicida di Quetta. 

EGITTO
Daesh ha afferma di aver fatto un attacco inghimasi contro un checkpoint della polizia egiziana nel sud del Sinai. Si tratta del primo attacco dopo diverso tempo da parte di Daesh nell’area. 

Redazione