Repressione marocchina contro i saharawi

51

MAROCCO – Laayoune. 16/04/14. Tra i movimenti separatisti attivi nel mondo c’è quello della popolazione saharawi in Marocco. Ieri notte ci sono stati violenti scontri tra forze di sicurezza marocchine e manifestanti che chiedono l’autodeterminazione. 

Secondo la testata ahewar.org, «la repressione contro i manifestanti saharawi la notte scorsa ha portato a pesanti perdite, secondo le prime informazioni, i cittadini avevano slogan in cui rivendicano il diritto di autodeterminazione e l’indipendenza e la liberazione di tutti i saharawi detenuti incondizionatamente e chiedevano alle autorità di smettere violare i diritti umani contro il popolo saharawi. I manifestanti chiedevano ancora poteri ampliati per MINURSO e l’inserimento del monitoraggio dei diritti umani sul popolo saharawi. Secondo le prime fonti i ferito sarebbero più di quaranta di cui molti in gravi condizioni.

Secondo l’Afik.com nella città Laayoune, occupata martedì pomeriggio dalle forze dell’ordine marocchine, è stato vietato vietato alle donne di Spagna Mtdhamanat di entrare all’aeroporto di Laayoune. Queste stavano progettando di partecipare alla manifestazione pro autodeterminazione del Sahara Occidentale. Ma le autorità hanno messo le simpatizzanti spagnole su un aereo per Las Palmas, cacciando di fatto la prima delegazione che aveva intenzione di manifestare per solidarietà con le donne saharawi.

Manifestazione indetta in simultanea con l’inizio delle consultazioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla relazione del Segretario generale delle Nazioni Unite sul Sahara Occidentale. L’11 aprile le autorità marocchine hanno anche respinto una delegazione del Parlamento europeo che aveva previsto di visitare le zone desertiche occupate nella settimana di aprile di quest’anno dal popolo Asahraa.

A febbraio sempre secondo Afik.com il Segretario Generale del Fronte Polisario, Presidente del Sahara Occidentale, Mohamed Abdelaziz , ha detto che il popolo Saharawi «è risolutamente deciso a strappare l’indipendenza dal giogo del colonialismo marocchino che saccheggia la terra e godersi la loro ricchezza dal 1975». Una parte del popolo Saharawi si trova ora in Mauritania. Abdelaziz ha dichiarato alla stampa algerina: «Stiamo combattendo su due fronti. Ci sono i negoziati sotto l’egida delle Nazioni Unite per raggiungere l’organizzazione del referendum libero e democratico per il popolo Saharawi. Tuttavia, non abbiamo deposto le armi, e stiamo preparando a riprendere la lotta armata, in caso di necessità». «Quando e in che modo, queste sono domande che vedranno una risposto al momento opportuno», ha continuato il presidente saharawi , che ha aggiunto che «il popolo Saharawi è risolutamente determinato a strappare l’indipendenza e sbarazzarsi della presenza coloniale del Marocco sulla sua terra ( … ). È imperativo per noi mantenere la nostra unità e unione per soddisfare l’oppressione marocchina». Algeria e Mauritania stanno fungendo da paesi osservatori. Il primo febbraio scorso il conflitto del Sahara occidentale è stato dibattuto in Consiglio d’ Europa. Il relatore della commissione per gli affari politici e all’Assemblea parlamentare democratico del Consiglio d’ Europa, Liliane Maury Pasquier, ha presentato una prima relazione dal titolo “Contributo del Consiglio d’ Europa, una soluzione al conflitto nel Sahara occidentale”.

Numerose ad oggi le persone scomparse dai campi profughi nel Sahara occidentale.