Ryad vuole partecipare nei colloqui con l’Iran

77

ARABIA SAUDITA – Ryad. 09/12/13. Secondo l’ex capo dell’intelligence saudita gli Stati del Consiglio di cooperazione del Golfo devono far parte dei negoziati tra le grandi potenze mondiali e Iran.

L’Iran e le grandi potenze con la data del 24 novembre hanno sfondato un decennio di paralisi. «Suggerisco che i negoziati sull’Iran non debbano essere limitati al P5 +1, che comprende Stati Uniti, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania», ha detto il principe Turki Al Faisal. «Il Consiglio di cooperazione del Golfo deve essere coinvolto», ha aggiunto il principe Turki, che è stato ambasciatore sia negli Stati Uniti e Gran Bretagna. «L’Iran è nel Golfo e ogni sforzo militare interesserà tutti noi, soprattutto per l’impatto ambientale. Il programma di arricchimento dell’uranio di Teheran potrebbe avere sulla regione, un grande impatto», ha detto, «diventa dunque importante il Dialogo di Manama, un forum sulla sicurezza in Medio Oriente». L’Occidente, Israele e gli stati arabi del Golfo hanno a lungo sospettato l’Iran di perseguire una capacità di armi nucleari al fianco del suo programma civile, mentre Teheran nega.

Il blocco temporaneo, imposto all’Iran, ha lo scopo di rendere più difficile per Teheran lo sviluppo di un’arma nucleare e allo stesso tempo costruire fiducia verso l’Iran. Ma i «Colloqui in corso sono incompleti e la presenza dei paesi del GCC sulla tabella di marcia (negoziale) porterebbe a più benefici per tutti», ha detto Faisal. Egli ha anche esortato la Repubblica islamica a mettere fine alla sua «ingerenza negli affari dei paesi arabi». «L’unico modo per migliorare le relazioni con l’Iran è quello di diventare un fattore di stabilità» nella regione ha detto. Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif ha visitato quattro Paesi membri del CCG nell’ultima settimana per rassicurarli sul tema nucleare. Zarif non ha visitato l’Arabia Saudita, anche se ha detto che progetta di farlo in futuro, e ha fatto appello al regno di lavorare con Teheran per raggiungere la stabilità regionale. Il GCC comprende Arabia Saudita, Bahrain, Kuwait, Oman, Qatar e Emirati Arabi Uniti. Nel frattempo, gli esperti di Iran e le sei grandi potenze che monitorano l’accordo nucleare provvisorio, si sono incontrati oggi a Vienna per discutere della sua attuazione con gli ispettori delle Nazioni Unite a riferirlo il Khaleej Times. «Oggi, avremo un’altra riunione a livello di esperti con i 5+1» ha detto il capo negoziatore iraniano Abbas Araqchi all’Isna.