RUSSIA. Uscito il piano finanziario di Rosneft

59

di Graziella Giangiulio RUSSIA – Mosca 28/12/2016. Rosneft ha pubblicato il piano delle attività finanziarie ed economiche per gli anni 2017-2018. Il piano terrà conto della possibilità di manovrare i volumi di produzione nella prima metà del 2017, ha detto la società, ripresa da Ria Novosti, poiché la Federazione Russa si è unita alla decisione dei paesi Opec di ridurre la produzione di petrolio nella prima metà del 2017 con l’obiettivo di stabilizzare il mercato del petrolio. Il titolare del ministero dell’Energia della Federazione Russa, Alexander Novak, ha tenuto una riunione per valutare se ridurre la produzione di petrolio con le compagnie petrolifere. Le parti hanno deciso che la riduzione della produzione delle compagnie avverrà in proporzione ai loro volumi di produzione, e si svolgerà su base volontaria.
«Il piano di attività economica e finanziaria di Rosneft negli anni 2017-2018, formato sulla base del programma aggiornato a lungo termine di sviluppo, tiene conto delle modifiche apportate alla legislazione fiscale della Russia e della possibilità di manovrare i volumi di produzione, al fine di aumentare l’efficacia delle vendite nella prima metà del 2017» si legge nel comunicato.
Le opzioni fornite dal piano attuano i progetti e gli obblighi della società, dice Rosneft; il consiglio di Amministrazione della società ha riesaminato il 23 dicembre i risultati preliminari di Rosneft per il 2016 e ha approvato il piano di attività economica e finanziaria negli anni 2017-2018.

La riunione dell’Opec del 30 novembre ha previsto di ridurre la produzione di 1,2 milioni di barili al giorno – fino a 32,5 milioni di barili. Una settimana dopo, l’Opec ha tenuto una riunione con i paesi produttori di petrolio al di fuori dell’organizzazione, che hanno deciso di ridurre, dal 1° gennaio, la produzione da 558 mila barili al giorno, compresa la Russia, di 300 mila barili.