La guerra del gas passa per Kiev

37

STATI UNITI D’AMERICA – New York 15/03/2014. L’Europa potrebbe ridurre le importazioni di gas dalla Russia.

BG Energy Holdings Ltd, BP plc , Royal Dutch Shell plc e Total Sa sono tra le compagnie petrolifere e del gas che secondo l’agenzia di rating Fitch, gruppo francese Fimalac, potrebbero guadagnare da un eventuale spostamento dalle fronti russe dell’approvvigionamento di energia dei paesi dell’Ue. Oao Gazprom e Naftogaz Njsc (Ucraina), hanno maggiori probabilità di perdere fette di mercato, secondo Fitch .

«La recente disputa diplomatica globale con la Russia per la crisi in Ucraina potrebbe indurre un cambiamento per la sicurezza energetica europea, che tradizionalmente si è concentrata sulla diversificazione delle rotte di trasporto del gas nell’Ue attraverso una rete di nuovi gasdotti mentre si fa poco per diversificare le fonti reali di approvvigionamento di gas», riporta Fitch.

In uno studio pubblicato il 14 marzo, Fitch analizza uno scenario in cui i paesi dell’Ue potrebbero essere costretti a «riformulare il loro approccio all’approvvigionamento energetico e ai legami economici con la Russia nel corso del tempo», si legge nel report che riprende le parole del ministro degli Esteri britannico William Hague .

Gli Stati Uniti stanno considerando di aumentare il ritmo di produzione di gas naturale liquefatto e le approvazioni di licenze di esportazione verso paesi con cui non hanno un accordo di libero scambio.

BG Energy Holdings Ltd partecipa in tre dei sei progetti già approvati dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti di esportare negli USA Gnl .

«La costruzione di questi progetti avrà inizio tra il 2014 e il 2015, con il primo flusso di gas previsto tra il 2017 e il 2019» ha detto Fitch.

BP ha ha deciso di investire nello sviluppo della fase 2 del giacimento di gas di Shah Deniz con il suo partner locale, la Socar nel dicembre 2013.

«L’espansione del corridoio del gas meridionale verso l’Europa mette queste aziende in una posizione unica per diversificare le forniture di gas dell’Unione europea. Il primo gas in Europa dovrebbe arrivare entro il 2019», sempre secondo il rapporto Fitch.

Il gas deve essere prodotto entro la fase 2 dello sviluppo del campo e sarà esportato in Turchia e nei mercati europei attraverso l’espansione nel Caucaso meridionale di Tanap e Tap.

Shell è la prima azienda al mondo a sviluppare impianti di Gnl galleggianti (Flng). La tecnologia Flng è uno sviluppo importante per l’industria del Gnl in quanto riduce sia i costi del progetto che l’impatto ambientale.

«Se Shell sarà in grado di replicare la tecnologia Flng che sta impiantando in Australia per diversificare gli approvvigionamenti europei, questo potrebbe dare alla società un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti», dice Fitch .

Total continua ad investire nella produzione di gas scisto nel Regno Unito che potrebbe rifornire attraverso una preziosa esperienza non posseduta da altri operatori europei. Total è diventato il primo colosso petrolifero occidentale di investire nello scisto del Regno Unito dopo aver accettato di prendere il 40 per cento in due licenze che fanno parte del potenziale di Bowland Shale nel nord dell’Inghilterra. Questo investimento potrebbe dare alla società un vantaggio se la produzione di gas di scisto europeo cominciasse a decollare in modo significativo.

«D’altra parte, Gazprom si trova di fronte alla prospettiva di una diminuzione della quota di mercato se l’Europa ricevesse forniture di gas alternative da Russia e Ucraina. Gazprom ha fornito il 30 per cento dei volumi europei di gas nel 2013. L’Europa potrebbe trovare la volontà politica di ridurre tale percentuale, soprattutto in considerazione del potenziale delle esportazioni degli Stati Uniti di Gnl» afferma Fitch.

Naftogaz potrebbe trovarsi ad affrontare sia prezzi più alti per le forniture di gas dalla Russia che volumi ridotti per il consumo interno.

Gazprom ha già annunciato l’intenzione di aumentare il prezzo che l’Ucraina paga per le sue forniture di gas del 37 per cento a partire dal secondo trimestre del 2014. Inoltre, Gazprom ha annunciato che considererà la riduzione delle forniture di gas se l’Ucraina non sarà in grado di pagare quello che deve alla Russia per le forniture precedenti di gas.